8.7 C
Trieste
sabato, 3 Dicembre 2022

Infrastrutture, per Nicoli (FI): “Urgente rimozione passaggi a livello”

12.11.2021 – 17.15 | “Ho chiesto la convocazione, in tempi rapidi, di un’audizione di Rete ferroviaria italiana: vogliamo conoscere piani, progettualità e finanziamenti a medio e lungo termine riguardo il superamento dei passaggi a livello, la posa delle barriere antirumore nei centri abitati, la manutenzione e la velocizzazione delle linee ferroviarie del Friuli Venezia Giulia. L’efficienza del trasporto su rotaia dev’essere una priorità”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale, Giuseppe Nicoli, che ha sottoscritto la richiesta di audizione di Rfi alla IV commissione permanente, presieduta dalla collega forzista Mara Piccin.

“Ho ritenuto di coinvolgere altri consiglieri di maggioranza, componenti della IV commissione, nella presentazione della richiesta – spiega Nicoli – in quanto ritengo che almeno il centrodestra debba essere unito nel chiedere chiarezza all’azienda pubblica partecipata da Ferrovie dello Stato circa le prospettive di investimento sul territorio, sì da sottolineare quali debbano essere le priorità per un servizio efficiente, sia sul fronte passeggeri che su quello merci”.

“La rimozione dei passaggi a livello ferroviari – continua Nicoli – dev’essere una priorità e non ci possono essere incertezze sulle intenzioni per il prossimo futuro. Sulla stampa, a riguardo, ieri sono emerse incertezze nel caso degli investimenti nell’ambito di Udine. E oggi leggiamo la cronaca delle conseguenze di un guasto tecnico lungo la linea Cervignano-Palmanova, che ha comportato la chiusura di due passaggi a livello a Bagnaria Arsa per 40 minuti. Disagi anche per il traffico su gomma, dunque, che se non sono all’ordine del giorno poco ci manca: devono finire al più presto”.

“Non manca all’appello, per ora, soltanto il superamento dei passaggi a livello, che già di per sé sarebbe un notevole passo avanti – sottolinea Nicoli -. Vanno installate al più presto le barriere antirumore lungo le tratte ferroviarie che attraversano i centri abitati (su tutti ricordo il caso Monfalcone), attese da vent’anni. E in generale vogliamo che si investa sulla manutenzione delle linee e sulla velocizzazione, senza per questo prevedere progetti faraonici quanto inutili e dannosi per l’ambiente, come quello relativo al Carso”.
C.S. Giuseppe Nicoli

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore