Il Museo della Bora “soffia” i suoi venti nel Teatro Miela

19.11.2021 – 11.11 – Da più di 20 anni l’Associazione Museo della Bora è impegnata a valorizzare questo vento così unico che è il respiro di Trieste. C’è una cosa alla quale l’Associazione tiene in modo particolare: le memorie dei triestini. Perché ogni triestino ha almeno un ricordo speciale legato alla Bora. Questa convinzione l’Associazione Museo della Bora l’ha verificata sul campo, concretamente, dal 2004, da quando è stato aperto il Magazzino dei Venti, il primo nucleo di un Museo della Bora che sogna di diventare più grande.
Ma per far crescere il Museo della Bora le risorse interne non bastano, specialmente di questi tempi. Ed è per questo che il sodalizio ha deciso di partire con questo progetto di crowdfunding per raccogliere risorse e storie, da filmare e conservare.
“Da anni sognavo di far partire questo progetto di raccolta di memorie” dice Rino Lombardi, presidente dell’Associazione Museo della Bora e aggiunge: “Questa è la volta buona per farlo decollare davvero. Ringrazio sinceramente il videomaker Simone Cester per avere fatto sbocciare questa ricerca. Raccogliendo le memorie possiamo valorizzare la missione del nostro museo in progress e cioè di una realtà viva al servizio della città e fortemente legata a Trieste. Le memorie fanno crescere il nostro progetto museale e fanno sentire la cittadinanza protagonista, “donatrice di memorie”, parte attiva e non passiva del museo. Ricordo sempre con piacere quando un visitatore del Magazzino dei Venti mi disse: – Ecco, questo è un museo che ha un senso. Perché si era sentito coinvolto e partecipe.”

Il progetto di crowdfunding “Memorie di Bora” è stato coronato dal successo in poco più di una settimana con un abbondante anticipo sul termine preventivato di un mese. La campagna è stata coordinata da Ideaginger per CiviCrowd di CiviBank e ha potuto contare anche su un contributo extra, un “premio” della CiviBank a sostegno del progetto.
Il prossimo 26 novembre il progetto verrà proiettato in anteprima al Teatro Miela, svelando le interviste dei triestini che vi hanno partecipato.

L’evento è a posti limitati, solo su prenotazione
Per informazioni: www.museobora.org
Ingresso gratuito con green pass, con prenotazione solo ed esclusivamente tramite email a: [email protected]

[i.v.]