12.7 C
Trieste
lunedì, 5 Dicembre 2022

Crollo Liceo Petrarca, studenti sotto la sede della Regione: “Non vogliamo più le macerie”

08.10.2021 – 09.40 – “Scuola sicura!”. “Non vogliamo più le macerie!”. “Il nostro futuro è nelle vostre mani”. Così le studentesse e gli studenti triestini che, a seguito del crollo di ieri di una porzione della scalinata della succursale del liceo Petrarca di Largo Sonnino 3, si sono ritrovati oggi sotto la sede della regione di via Carducci per manifestare. “Ne abbiamo abbastanza della scuola a distanza. Ci hanno appena chiuso la sede succursale e adesso non si sa fino a quando ci metteranno in DAD – hanno commentato alcuni studenti – Le condizioni della struttura sono paurose. Ieri è crollato un pezzo della scalinata, se qualcuno in quel momento fosse passato se lo sarebbe preso in testa”.

Durante il confronto di ieri tra i candidati sindaci trasmesso su Telequattro lo stesso sindaco uscente e candidato per il centrodestra Roberto Dipiazza aveva ammesso che la situazione degli edifici scolastici triestini è complicata, tanto che alcuni di essi aprono in deroga nonostante l’inadeguatezza delle strutture. Infissi che crollano e finestre inutilizzabili; bagni inagibili o in condizioni inadeguate; “La condizione dei bagni è critica, davvero critica – ha spiegato una studentessa – io cambio piano perché il bagno del primo è praticamente inagibile. E non potremmo neanche girare per i piani, ci dicono che dobbiamo usare il bagno del piano”.

Stando al racconto degli studenti neanche le normative anti-Covid vengano applicate. “I distanziamenti dei banchi non sono rispettati – hanno dichiarato – abbiamo 20 centimetri tra un banco e l’altro”. “Ci hanno detto che oggi saremmo dovuti stare in DAD, in attesa degli accertamenti del caso. Le condizioni sono indecenti” hanno concluso.

mb.r

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore