18.7 C
Trieste
giovedì, 26 Maggio 2022

Conoscere il rugby: cos’è la mischia? Regole ed evoluzione

18.10.2021 – 10.10 – La mischia è un raggruppamento di 16 giocatori (8 per squadra) che si contendono l’ovale spalla a spalla durante alcune situazioni della partita. È formata da tre diverse linee: la prima linea che comprende i due piloni (sinistro e destro) e al centro il tallonatore, la seconda linea formata da due giocatori che si inseriscono nei due spazi tra i 3 giocatori della prima linea e la terza linea formata da due giocatori laterali (flanker) ed uno centrale. La mischia viene chiamata dall’arbitro quando la squadra in possesso del pallone commette un passaggio in avanti: alternativamente, quando una squadra riceve un calcio di punizione, può decidere di riprendere il gioco attraverso di essa. Un’altra situazione di gioco nella quale viene chiamata è quando una squadra calcia l’ovale oltre l’area di meta (linea del pallone morto); si riprenderà a tal punto con una mischia dal punto in cui è stato calciato il pallone.

Negli anni la mischia ha subito sempre di più un’evoluzione sia dal punto di vista fisico che tecnico.
Per quanto riguarda l’aspetto fisico, le dimensioni dei giocatori di mischia del giorno d’oggi sono decisamente differenti da quelle degli anni passati: i giocatori odierni sono molto più fisici dei giocatori del passato, in quanto curano molto di più il lavoro in palestra, fatto questo che aiuta anche ad avere una maggiore tenuta durante la spinta in mischia.

Un altro aspetto che sicuramente è cambiato è quello tecnico. Basti pensare che sino agli inizi del 2000 la mischia non aveva alcun tipo di ordine da parte dell’arbitro, i giocatori andavano subito a contatto tra di loro. Poi, col tempo, per cercare di agevolare i giocatori e limitare gli infortuni sono stati introdotti da parte dell’IRB (International Rugby Board) dei comandi che l’arbitro deve chiamare prima dell’introduzione del pallone all’interno della mischia.
Prima nel 2007 coi comandi “crouch, touch, pause, engage” (bassi, tocco, pausa, ingaggio) e alla fine di questi comandi il mediano di mischia introdurrà la palla.
Nel 2012 i comandi vengono ridotti a 3 “crouch, touch, set” (bassi, tocco, via), e successivamente nel 2013 vengono modificati “crouch, bind, set” (bassi, lega, via).

di Giacomo Boltar 

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore