Clpt, il leader dei portuali indipendenti ufficializza le dimissioni sui social

17.10.2021 – 11:30 – Dopo che nella prima serata di ieri un comunicato del CLPT aveva fatto intendere la fine della mobilitazione anti Green Pass presso i varchi del Porto Nuovo di Trieste, alcune ore dopo era giunta la smentita con tanto di volontà di rettifica da parte del leader dei portuali indipendenti, Stefano Puzzer. Poco fa, nella mattinata odierna, attraverso un post social, Puzzer ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni da capo del movimento. “Ho rassegnato le dimissioni dal CLPT Trieste perchè è giusto che mi assuma le mie responsabilità. La decisione è soltanto mia e non è stata forzata da alcuno, anzi: il gruppo non voleva accettarle ma io l’ho preteso” – si legge sul suo profilo Facebook.

Ad ogni modo, da quanto si evince da un’intervista, i manifestanti continuano a non avere le idee chiare in merito al da farsi per i prossimi giorni. Non è ancora noto se il presidio si scioglierà nella giornata di domani o continuerà davvero ad oltranza come originariamente pianificato. Incalzato dai giornalisti, nella serata di ieri, appena dopo la diffusione de secondo comunicato, l’allora capo del CLPT Puzzer aveva dichiarato che “il presidio non durerà ad oltranza e la gente che fino ad oggi vi ha preso parte deve andare a casa sua e continuare a manifestare in altro modo; soprattutto chi è venuto da fuori Trieste il quale dovrà raccontare ai suoi concittadini l’esperienza delle proteste di Trieste diffondendo così in tutta Italia consapevolezza e conoscenza, denunciando la criticità totale del Green Pass” – ha dichiarato Puzzer.