Assestamento: 2,2 milioni a 24 Comuni per il Tpl scolastico

22.10.2021 – 09.00 – “Con senso di responsabilità abbiamo lavorato per risolvere in tempi brevi un problema che rischiava di ricadere pesantemente sugli enti locali e sulle famiglie degli studenti che utilizzano il servizio di trasporto pubblico”. Così l’assessore regionale al Patrimonio, Sebastiano Callari, oggi a Trieste, in sede di Consiglio regionale, nel corso del dibattito dedicato alla manovra di assestamento autunnale illustrando l’emendamento “di ristoro” in relazione alla rescissione del contratto per il trasporto scolastico stipulato con la ditta Tundo, dopo i disservizi verificatisi negli ultimi due anni.
Nel dettaglio, come ha spiegato lo stesso Callari, sono state reperite risorse per un ammontare di 2.247.954,20 euro da destinare ai 24 Comuni (uno deve ancora inviare la
documentazione) che si sono trovati a far fronte alle spese per l’attivazione dei servizi sostitutivi di trasporto pubblico scolastico a seguito della disdetta dell’appalto.

Relativamente alla vicenda, come ha ricordato l’assessore, molti di questi Comuni hanno corso il rischio di vedere gravemente pregiudicati gli equilibri del proprio bilancio.
“Abbiamo atteso dalle Amministrazione municipali interessate – ha detto Callari – la comunicazione in ordine a quanto ammontassero le previsioni di spesa per attivare il servizio con dei nuovi operatori. Non appena sono pervenute queste documentazioni
abbiamo predisposto l’atto da sottoporre al Consiglio per sostenere i Comuni e garantire il trasporto scolastico”.

[n.t.w] [c.c]