Trieste, in migliaia nelle strade del centro per dire no al Green Pass

21.09.2021 – 09.45 – Migliaia di persone, tra le 4000 e 5000 circa, provenienti da ogni parte della Regione, nella serata di ieri si sono riversate lungo le strade e le vie del centro cittadino di Trieste per manifestare contro l’obbligatorietà del Green Pass per accedere al proprio luogo di lavoro ufficializzata lo scorso 16 Settembre dal Governo Draghi, con entrata in vigore calendarizzata per il giorno quindici del mese successivo. Il corteo ha avuto origine da Piazza della Borsa per poi diramarsi lungo le principali arterie stradali cittadine passando per Piazza Goldoni, Corso Italia, Via Carducci, Via Mazzini, Via Fabio Severo e la Stazione di Trieste Cl.e. Nonostante la protesta si sia svolta in maniera pressochè pacifica, alcuni manifestanti della frangia più calda del corteo, tra i quali si sono celati anche alcuni “No Vax”, hanno inveito contro i palazzi presso i quali sono ubicate le sedi del quotidiano locale “Il Piccolo” e la RAI del Friuli Venezia Giulia; una spiacevole situazione già verificatasi in un precedente atto della medesima protesta lo scorso 13 Settembre. Grossi i disagi al traffico causati dalla fiumana di gente presente sulle carreggiate. Traffico in tilt e autobus fermi per oltre mezz’ora. Importante poi il dispiego di personale e unità motorizzate di Polizia di Stato, Vigili e Carabinieri le quali hanno cercato di far svolgere la manifestazione garantendo l’ordine e la sicurezza. La manifestazione si è infine conclusa nella centralissima Piazza Unità d’italia, dinanzi al Palazzo del Governo dove i “No Green Pass” hanno continuato i loro cori inneggiando alla libertà individuale.

[g.t.][foto di un lettore]