La scuola parte al 100%, Fedriga: “Priorità rimanere in presenza tutto l’anno”

10.09.2021 – 14.00 – “Vogliamo far percepire l’importanza che ha la ripresa della scuola al 100% in presenza per la Regione.
Lo scorso anno siamo stati costretti a prendere scelte dure, ma ci auguriamo quest’anno di dare continuità alla presenza a scuola: è una nostra priorità”.
Questo l’auspicio del Presidente Massimiliano Fedriga nel corso della conferenza stampa svoltasi oggi, venerdì 10 settembre, dedicata al ritorno tra i banchi, più precisamene al pacchetto scuola relativo alle disposizioni di prevenzione anti-Covid per quest’anno scolastico 2021-2022.
Un programma sinergico che è stato presentato appunto dal Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, con il Vicegovernatore con delega alla salute, Riccardo Riccardi, l’Assessore all’Istruzione, Alessia Rosolen, l’Assessore alle Infrastrutture, Graziano Pizzimenti e al Prefetto Valerio Valenti.

“L’investimento economico che la regione sta facendo nasce per raggiungere l’obiettivo di completare l’anno scolastico in presenza, non vogliamo assolutamente che l’istruzione abbia un nuovo arresto” sottolinea Fedriga “i test che faremo sono salivari molecolari antigenici, che è uno di quegli strumenti che ci hanno permesso di tenere più sotto controllo possibile la situazione in questi mesi rispetto ad altre regioni. Voglio ribadire anche oggi che la partecipazione alla campagna vaccinale resta fondamentale, per tutelare la salute di tutti, per evitare nuove chiusure e, soprattutto, per tener gli ospedali non sovraccarichi. L’appello è, infine, quello di seguire sempre la verità scientifica”.

“Vogliamo in questa occasione dare la dimensione degli interventi che l’amministrazione regionale dedica per l’avvio in sicurezza dell’anno scolastico” esordisce Alessia Rosolen, sottolineando come ci sia “un dato importante da mettere in luce, ovvero il grande insieme organico di misure complementari, e non sostitutive rispetto a quelle dello Stato, che la Regione ha voluto impostare per questo 16 settembre.
C’è inoltre molta attenzione a rilanciare il tema di regionalizzazione del sistema scolastico” annuncia l’Assessore all’Istruzione “per l’organizzazione di una macchina che ha bisogno di un’attenzione puntuale rispetto al compito che le viene affidato.
Sappiamo che la scuola inizia con lacune, purtroppo, ma questa volta prende il via con la certezza di risorse aggiuntive messe a disposizione delle singole scuole, per rispondere alle esigenze specifiche delle varie realtà.
Grazie alla collaborazione con l’ufficio scolastico regionale abbiamo risolto le criticità raccolte nel corso dell’estate, cercando di dare una risposta puntuale a tutte le richieste”.

Per quanto riguarda la delicata parte legata ai trasporti, l’Assesore Pizzimenti puntualizza che, negli ultimi mesi, si parla di “un’attività costante che va dalla fine dell’anno scolastico precedente fino ad oggi, perché riorganizzare tutto non era affatto semplice: si parlava di portare il 100% dei ragazzi in classe con l’80% dei mezzi riempibili” rimarca Pizzimenti.
Sono 136 i mezzi aggiuntivi, suddivisi rispettivamente come segue: 60 per Udine, 4 a Trieste, 36 a Pordenone, 36 a Gorizia.
Sono 335 le corse aggiuntive, “un numero molto significativo. Sono oltre 2 milioni di chilometri in più delle corse. Al tutto si aggiunge un attività che è stata avviata con l’ultimo assestamento di bilancio, con un importante finanziamento per l’incremento della sicurezza sui mezzi di trasporto” conclude l’Assessore.

“Le misure che il sistema di Sanità ha messo a punto partono dalla struttura che abbiamo già visto nei mesi scorsi” esordisce il Vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia, ponendo l’accento sul grande lavoro di prevenzione che verrà messo in campo.
“Con le scuole stiamo operando in sinergia con il personale scolastico, con un programma che si basa sull’individuazione delle scuole sentinella, con test auto somministrati grazie all’aiuto dei docenti. L’esito del test sarà poi segnalato telefonicamente entro 48 ore dal consenso: questo ci aiuterà a monitorare continuamente la mediana di contagio.
Voglio ricordare che la nostra Regione continua ad essere tra le regioni che fa più tamponi in assoluto” conclude Riccardi. 

Simbolo della collaborazione istituzionale tra Regione e Prefettura è la presenza del Prefetto Valerio Valenti che si è soffermato “sull’ennesima riprova di un tessuto istituzionale armonizzato, nonostante risulti molto articolato nelle sue emanazioni.
Una delle complessità di questo impegno e stata proprio far sì che tutto questo lavoro fosse compatibile con il principio dell’autonomia scolastica. Auspichiamo che, con questa nuova articolazione oraria, prosegua un buon funzionamento delle misure”.

[c.c]