Calcio, la Triestina torna in campo contro il Piacenza con qualche incognita

12.09.2021 – Dopo le due settimane di “tregua” dal campo, dovute al rinvio della gara contro la Juventus u23 al 22 settembre, la Triestina è pronta a tornare in campo nel posticipo della terza giornata del campionato 2021/2022 di Serie C. Nella sfida del “Nereo Rocco”, che si disputerà domani (lunedì 13 settembre) alle 20,30, Gomez e compagni affronteranno il Piacenza di mister Scazzola, che in classifica – proprio come la Triestina – ha raccolto un punto, frutto del pari alla prima giornata contro il Trento.

A dirigere la sfida in notturna, sarà il signor Panettella di Gallarate, coadiuvato dagli assistenti Pompei Poentini e Pintaudi (entrambi di Pesaro) e dal quarto ufficiale Rinaldi di Bassano del Grappa. Per l’occasione, allo stadio “Nereo Rocco”, saranno aperte solamente le tribune Pasinati e Colaussi, mentre rimarrà chiusa la tribuna Furlan. Per gli ospiti sarà invece aperta la curva Trevisan. Ovviamente, sarà possibile accedere allo stadio solamente per chi è munito di Green Pass.

Triestina a riposo da due settimane, full immersion per il Piacenza

Non sarà facile, la sfida di domani, per la Triestina di mister Bucchi, ancora alle prese con qualche assenza (pesantissime quelle di Calvano e Petrella) e con diversi giocatori non ancora in grado di partire dal 1′ (come Procaccio, Litteri e alcuni dei nuovi arrivati). Per l’Unione sarà dunque una partita da approcciare con l’atteggiamento giusto, senza sottovalutare l’avversaria. Avversaria nella quale, tra l’altro, gioca una vecchia conoscenza alabardata, quel Codromaz che dopo aver diviso la passata stagione tra Juve Stabia e Ravenna si è stabilito tra i lupi biancorossi, conquistando un posto da titolare.

Anche Scazzola, comunque, dovrà fare a meno di alcuni elementi importanti della rosa: Cesarini ha provato a essere disponibile, ma ha dovuto dare forfait, aggiungendosi agli indisponibili Simonetti e Angileri e a un Dubickas che – data la mole di impegni ravvicinati a cui deve far fronte il Piacenza – potrebbe aver bisogno di rifiatare, creando così qualche grattacapo offensivo al tecnico, in una squadra che non ha ancora trovato la via del gol in questo avvio di campionato.

Insomma, sarà una partita in cui verosimilmente sarà l’atteggiamento mentale delle due formazioni a fare la differenza, anche se – avendo il Piacenza affrontato il Mantova in Coppa Italia lo scorso mercoledì 8 settembre – la squadra di Bucchi potrebbe contare su un po’ di freschezza atletica in più. Che però, a inizio stagione, può essere anche un’arma a doppio taglio e trasformarsi in carenza di condizione.

Per quanto riguarda l’Unione, tra i convocati di Bucchi per Piacenza ci sono tutti i volti nuovi dell’ultimo giorno di mercato: da Baldi a Negro, passando per Angiulli, Crimi e Giorno, per arrivare a Trotta. Difficile chiaramente ipotizzare un impiego in massa dei nuovi dal 1′. Probabile invece che Bucchi, nel suo 4-2-3-1, si affidi per buona parte dell’undici ai giocatori già presenti in rosa, almeno per quanto riguarda la difesa: davanti a Offredi, dunque, dovrebbero esserci Volta e Ligi, con Rapisarda e Lopez sulle fasce. In mediana è probabile l’impiego di Crimi a fianco di Giorico, mentre sulla trequarti, con de Luca squalificato, potrebbe trovare spazio insieme a di Massimo e Sarno anche Iotti, con Gomez punta centrale. Da non sottovalutare l’ipotesi che vedrebbe Gomez arretrato sulla trequarti, partendo dalla fascia mancina, alle spalle di Trotta – così come visto in alcune occasioni sotto la guida di Gautieri.

Triestina-Piacenza, i convocati

Triestina-Piacenza, i convocati di mister Bucchi: Offredi, Martinez, Baldi, Capela, Giannò, Lopez, Negro, Rapisarda, Volta, Angiulli, Crimi, Galazzi, Giorico, Giorno, Iotti, Paulinho, Procaccio, di Massimo, Gomez, Litteri, Sarno, Trotta.
I convocati di Scazzola per Triestina-Piacenza: Pratelli, Libertazzi, Stucchi, Nava, Tafa, Burgio, Marchi, Parisi, Codromaz, Giordano, Armini, Suljic, Bobb, Corbari, Marino, Lamesta, Dubickas, Rabbi, Gonzi, Spini, Gissi.
E.R.