Vigili del fuoco, Zalukar (Gr. Misto): “Pericoloso non rinnovare convenzione”

20.07.2021 – 18.00 | “Il mancato rinnovo della Convenzione tra Regione e Vigili del Fuoco per prevenire e contrastare gli incendi boschivi mette a rischio ampie zone del Friuli Venezia Giulia. Infatti, in assenza di Convenzione, scaduta da un anno, non sono disponibili vigili del fuoco aggiuntivi in rinforzo a quelli dei turni ordinari già sovraccaricati dai compiti di istituto.”.

Inizia così il comunicato stampa con cui il consigliere regionale del Gruppo Misto, Walter Zalukar, ha voluto manifestare la sua preoccupazione per la situazione boschiva del Friuli Venezia Giulia. “Non sembra – spiega infatti Zalukar – che il Corpo Forestale Regionale, cui compete la lotta agli incendi boschivi, possa offrire la stessa tempestività d’intervento dei Vigili del fuoco.”.

I vigili del fuoco, lascia intendere il consigliere del Gruppo Misto, non sono sostituibili in nessun modo, soprattutto per la loro capacità di intervenire in tempi strettissimi, preziosissima nella lotta agli incendi: “Neppure i volontari della Protezione civile – si legge infatti nella nota di Zalukar – sembrano poter assicurare la stessa immediatezza d’intervento dei pompieri. E sappiamo che per evitare l’espandersi delle fiamme i minuti sono preziosi.”.

Oltre che nella lotta attiva agli incendi, prosegue Zalukar, i vigili del fuoco sono fondamentali anche in altri modi: “Un sistema che non possa avvalersi dei professionisti antincendio – spiega infatti Zalukar – mette a rischio oltre alla salvaguardia dell’ambiente e dei beni anche l’incolumità delle persone. Il CONAPO, sindacato dei VVF, paventa il rischio di danni irreversibili per i boschi del FVG dovuti alla mancanza di tempestività nei soccorsi e si dichiara preoccupato per la posizione della Regione che, diversamente dal passato, ora sembra non voler considerare i pompieri.”.

Vista la situazione, Zalukar ha già deciso come agire: “Ho inteso interrogare la Giunta – spiega infatti l’esponente del Gruppo Misto – per conoscere dai decisori politici le motivazioni di un anno di ritardo, né credo che il mancato rinnovo possa, ancora, giustificarsi con la pandemia COVID-19.”.
C.S. Walter Zalukar (Gr. Misto)