34.2 C
Trieste
domenica, 3 Luglio 2022

Turismo, FVG apre ai “condhotel”: una nuova forma di albergo-casa

12.07.2021 – 10.20 – Via libera definitivo della giunta regionale alla costituzione in Friuli Venezia Giulia dei condhotel, alberghi in cui oltre alle tradizionali camere si associano anche unità abitative a destinazione residenziale, dotate di servizio autonomo di cucina. La delibera, approvata dall’Esecutivo su proposta dell’assessore alle Attività produttive Sergio Emidio Bini, prevede tra l’altro che la superficie di queste unità abitative non possa superare il quaranta per cento della superficie complessiva dei compendi immobiliari interessati, passaggio quest’ultimo al centro del dibattito avvenuto lo scorso mese di giugno in II Commissione.

Il condhotel è stato introdotto dal legislatore nazionale nel 2014 al fine di diversificare l’offerta turistica e favorire gli investimenti volti alla riqualificazione degli esercizi alberghieri esistenti. Nel 2018 è stato emanato a livello nazionale il regolamento in cui erano definite le condizioni di esercizio di queste strutture mentre ad aprile del 2019 i condhotel sono stati recepiti anche in Friuli Venezia Giulia, rinviando ad una delibera di giunta regionale la definizione delle modalità per l’avvio e l’esercizio dell’attività, sia per le strutture esistenti sia di nuova realizzazione.
Rimane incerto, a distanza di sei anni il bilancio, considerando ormai la molteplicità dell’offerta alberghiera, ormai spezzettata tra infinite varianti di B&B, ostelli, AirBnB e una generale rincorsa all’alloggio low cost. Possono, in questo clima, i condhotel competere? È difficile, a meno che dietro la scelta del recupero non vi sia una scelta strategica e chiara. Forse, considerando la crisi Covid che ha martirizzato il settore, la destinazione a unità abitativa permetterà di avere maggiori chance.

Il provvedimento è stato portato all’attenzione della II Commissione consiliare, esaminando alcune caratteristiche specifiche applicate solo in questa regione. In Friuli Venezia Giulia sarà possibile ‘ottenere’ un condhotel attuando una gestione unitaria tra una struttura alberghiera esistente ed un altro immobile, destinato a unità abitative a carattere residenziale, collocato nello stesso Comune. Inoltre, altro elemento peculiare è quello che solo nella nostra regione si potrà realizzare ex novo un condhotel, anche in assenza di un preesistente edificio alberghiero. Ora, con l’approvazione definitiva della delibera, questa nuova forma di esercizio alberghiero diventa operativa anche in Friuli Venezia Giulia.

[i.v.]

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore