Trieste, comunità slovena e rotta balcanica nell’agenda del Sottosegretario all’Interno Scalfarotto

02.07.2021 – 16.25 – Visita questa mattina a Trieste, presso il Palazzo del Governo, ospite del Prefetto Valerio Valenti, del Sottosegretario al Ministero dell’Interno, Ivan Scalfarotto. Durante l’incontro con la stampa sono stati diversi i temi affrontati, dall’emergenza pandemica, ai problemi inerenti ai documenti e ai sistemi informatici nelle scuole di lingua di insegnamento slovena. “Onorato di essere qui a Trieste per il tavolo di incontro, per la prima volta sotto la mia presidenza – ha affermato Scalfarotto – per affrontare alcune problematiche a cui stiamo ponendo rimedio, come per la carta d’identità elettronica, assieme all’Agenzia per l’Italia digitale. Il nostro impegno ha e deve avere continuità nel tempo”. Per la restituzione alla minoranza Slovena del Narodni Dom, così come da accordi bilaterali, Scalfarotto ha assicurato il massimo impegno nel rispetto dei tempi: “La questione va portata a termine presto e bene” ha assicurato il Sottosegretario.

In merito alla rotta Balcanica, Scalfarotto ha chiarito di aver trattato l’argomento oggi nel capoluogo giuliano: “Abbiamo affrontato con attenzione, il problema con i vertici delle Forze dell’Ordine. Si tratta di una questione antica, che cerchiamo di gestire con efficacia, e già il fatto che il numero dei rintracciamenti abbia capovolto il rapporto rispetto al numero di migranti che si manifestano volontariamente, ci da la sensazione che le Forze dell’ordine stiano facendo un lavoro efficace. Il metodo per quanto riguarda i metodi di accoglimento sono gli stessi per tutto il resto d’Italia, anche per garantire massima tutela, anche da punto di vista sanitario e l’Europa dovrebbe riconoscere di più il nostro ruolo”.

m.v.