Sanità, Open Sinistra e Cittadini esprimono solidarietà a operatori manifestanti

27.07.2021 – 16.00 | I consiglieri di opposizione Furio Honsell, esponente di Open Sinistra FVG, e Simona Liguori, che rappresenta in Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia i Cittadini, hanno espresso la loro solidarietà ai lavoratori della sanità afferenti al sindacato CGIL, che nella mattinata di oggi (martedì 27 luglio) hanno organizzato un presidio di protesta dinanzi alla sede del Consiglio regionale, dove l’Aula era oggi riunita per discutere sull’approvazione del Rendiconto 2020.

“È molto grave – spiega l’esponente di Open Sinistra – che non siano stati convocati dall’assessore Riccardi i rappresentanti della Cgil per discutere dei temi relativi alla sanità e al riparto delle risorse per i lavoratori nel contesto dell’attuale assestamento di bilancio”. Honsell ritiene che i rappresentanti dei lavoratori sarebbero dovuti essere resi partecipi della discussione: “Sarebbe stato importante discutere con tutti i rappresentanti dei lavoratori pubblici come superare le gravi criticità di personale e di investimento drammaticamente evidenziate durante la pandemia”.

“Temi come gli investimenti sulla sanità, le assunzioni di nuovo personale, i rapporti con i
privati convenzionati – afferma la rappresentante civica – vanno affrontati in modo chiaro e con tutti, ma davvero tutti, i rappresentanti dei professionisti mettendosi all’ascolto di ogni voce”. Adesso, la Regione, approfittande delle risorse accumulate nella gestione del precedente esercizio, deve “Impegnarsi per investire al meglio le risorse a disposizione, con una programmazione che non serva solo a rimettere in carreggiata i servizi bloccati o andati a rilento – conclude Liguori – ma che ci permetta di non farci trovare impreparati di fronte a una eventuale quarta ondata della pandemia in autunno”.

Fortemente critico circa la mancata audizione dei lavoratori della sanità da parte di Riccardi anche il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle, Andrea Ussai. “Ancora una volta l’assessore Riccardi dimostra di voler comandare e non governare la sanità – ha dichiarato il pentastellato – Riccardi ha convocato soltanto alcuni sindacati per la firma dell’accordo, escludendo altre, mettendo in atto un atteggiamento antisindacale e scorretto.”.