Premio Luchetta, i vincitori 2021: ad ottobre le premiazioni a Trieste

16.07.2021 – 13.00 – Alla 18esima edizione del Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta 2021, la serietà del progetto si rivela ancora una volta eticamente intoccabile. I temi accolti dalla giuria per definire in seguito i vincitori, sono stati gli stessi su cui Il Premio Luchetta cerca di sensibilizzare da sempre: sfruttamento minorile, violenza di genere, situazioni sociali all’estremo dell’umanità. Un premio che si vuole fare osservatorio del mondo, oltre a riconoscere il valore e il coraggio di giornalisti, fotografi e scrittori che rischiano la vita per portare a galla la verità, mostrandola al pubblico nella sua più completa crudezza.
Il 16 ottobre 2021 il Premio Luchetta verrà consegnato a Trieste dal presidente di giuria Alberto Matano, presso la sala Lelio Luttazzi del Magazzino 26 in Porto Vecchio.

Per la sezione reportage, il premio verrà assegnato alla reporter, autrice e regista Emanuela Zuccalà che ha firmato per la piattaforma europea indipendente Open DDB un mediometraggio sulle mutilazioni genitali femminili in Liberia, dove la pratica oltre ad essere legale e appoggiata dal governo, sembra essere anche un rito iniziatico per entrar a far parte di una società segreta di sole donne (Sande), diffusissima in Africa.

Per la stampa internazionale, il premio sarà consegnato al giornalista spagnolo Josè Ignacio Martìnez Rodrìguez per la corrispondenza pubblicata su El Pais a riguardo del traffico di minori nei paesi africanisoprattutto in Gana, dove bambini e adolescenti vengono sfruttati per lavori forzati sul lago Volta o vengono trasferiti e venduti come schiavi in Arabia Saudita e in Tunisia, dove i trafficanti offrono una manciata di euro e comprano i ragazzini facendogli credere di studiare.

Per la Stampa italiana, il Premio Luchetta 2021 va alla giornalista Elena Testi del settimanale l’Espresso. L’articolo ha messo in luce il gravissimo disagio vissuto dalle nuove generazioni durante e dopo le chiusure forzate a causa della pandemia, attraverso una visita ai reparti di neuropsichiatria infantile; la denuncia della giornalista proclama l’urgenza di provvedere ai disagi sempre più diffusi tra anoressia, disturbi del pensiero e l’aumento dei casi di tentati suicidi tra i giovanissimi.

Infine, per la sezione fotografia, il premio Luchetta 2021 verrà consegnato al fotografo italiano Alessio Mamo per uno scatto pubblicato su The Guardian, in cui viene mostrata la “via crucis” di Saman, bambino di sei anni che, dopo essere stato respinto undici volte sul confine croato dalla polizia, è in fuga dall’Afghanistan e cerca di tirare la carrozzina della sorellina Darya, tra il fango e la neve.

f.s