“La Porta Rossa” torna a Trieste dal 30 agosto, al via le riprese dell’iconica serie tv

19.07.2021 – 07.00 –La Porta Rossa“, iconica serie tv che ha fatto conoscere ai triestini Lino Guanciale e all’Italia la bellezza di Trieste, torna in città per l’ultimo, conclusivo, ciak: a partire dal 30 agosto scatteranno infatti le riprese per la terza stagione che vedrà chiudersi le avventure del commissario Cagliostro. Anche se, come sempre, molto dipenderà dai rating e dal successo delle nuove puntate, con probabili stratagemmi narrativi per continuare la serie.
Proprio il regista Carmine Elia era a Trieste in questi giorni per completare i sopralluoghi preliminari; le riprese vere e proprie invece richiederanno circa sedici settimane, cioè 4 mesi di lavori. Molto intensa, come sta ormai divenendo tradizione a Trieste, la collaborazione con la Friuli Venezia Giulia Film Commission.

Dall’esordio della prima stagione, anche escludendo la tempesta del Covid-19, Trieste è cambiata nell’architettura e nell’urbanistica; e ciò si rifletterà anche nella stessa serie.
L’Ursus, in corso di restauro, non è più infatti nel Porto Vecchio; e pertanto Cagliostro dovrà scegliere un altro luogo dal quale osservare Trieste.
Mentre l’ex palazzo delle ferrovie dello stato, in Piazza Vittorio Veneto, è stato acquisito da una cordata d’investitori austriaci ed è pertanto non più disponibile. Come con la serie Netlifx “Robbing Mussolini”, verrà invece utilizzato Palazzo Carciotti che diverrà la nuova sede della Questura.
È probabile che nelle settimane a venire trapeleranno ulteriori dettagli, specie ipotizzando che serviranno un certo numero di comparse, come negli episodi precedenti.

[z.s.]