Pestaggio Rupingrande, individuati tre sospettati per l’aggressione ad Antonio Parisi

13.06.2021 – 07:00 – Sembrano essere giunte agli sgoccioli le indagini degli inquirenti in merito al brutale pestaggio avvenuto lo scorso 16 Febbraio 2021 presso la Piazzetta di Rupingrande nel quale era rimasto vittima l’attivitsta LGBT Antonio Parisi assieme ad alcuni amici, riportando diverse ferite e contusioni al volto. Grazie all’inchiesta della Procura di Trieste, affidata al PM Federica Riolino, in sinergia con i Carabinieri della Stazione di Villa Opicina, i militari sono riusciti a ricostruire i fatti e le dinamiche dell’aggressione raccogliendo le testimonianze degli avventori della limitrofa osmiza dove Parisi e i suoi amici, ma anche gli stessi aggressori, avevano trascorso la giornata. Secondo quanto riportato dal quotidiano locale “Il Piccolo”, sono ben dieci le persone identificate delle quali almeno tre protagoniste della violenza e che dovranno quindi rispondere del reato di lesioni; tutte giovani ma maggiorenni. L’assenza di telecamere in loco aveva reso difficoltose le indagini delle Forze dell’Oridine ma, eseguiti gli accertamenti del caso era stata subito esclusa la possibile connotazione omofoba dell’aggressione. Il fattore scatenante del pestaggio, infatti, sembrerebbe essere stato l’eccesso di bevande alcooliche consumate dagli aggressori nel corso del pomeriggio.