Deltablues Festival: la 34esima edizione con i musicisti più influenti del panorama blues contemporaneo

23.06.2021 – 13.15 – Ritorna il Deltablues Festival 2021, nella sua trentaquattresima edizione con un secondo week end di eventi tutti dedicati alla musica blues e soul, con al centro alcuni dei più importanti protagonisti che stanno contribuendo a segnare la storia di questa musica afroamericana.
Il progetto Deltablues nasce nel 1988 a Polesine, sulle rive del Po, dove è stato portato il battito intenso della musica folk blues dal Delta del Missisipi, per far nascere insieme una passione unica attraverso una musica che da sempre ha raccolto nei suoi ritmi, versi e canti tutta la storia afroamericana nelle sue sfaccettature più sinistre, distorte e devastate, fino ai più grandi innalzamenti musicali, culturali e letterari di questa stessa popolazione che rivive nel blues tutte le proprie radici.

Si riparte con giovedì 24 giugno dalle ore 21:30 a Rovigo in piazza annonaria con Lily Dior, una delle voci australiane più influenti nel mondo contemporaneo del blues e funk, che sarà accompagnata dal contrabbassista Marco Marzola. Insieme i due musicisti formano il Lily Dior & Marco Marzola Quartet e apriranno il secondo appuntamento “Dal jazz al Blues con Rovigo Jazz Club”. Entrambi sono residenti in Inghilterra, saranno ospiti al Festival per presentare il nuovo disco “No More Blues”.
Si continua venerdì 25 giugno dalle ore 21:15 nel parco di Villa Malmignati di Lendinara con due concerti dedicati alla musica blues: il primo che aprirà lo spettacolo sarà il duo Hat’s Effects, con Diletta Pellizzer, che rappresenta la voce, le percussioni e il pad elettronico, insieme a Gabriele Fassina con la voce, chitarra elettrica e acustica, kick e HiHat. I due musicisti sono considerati degli innovatori del genere musicale afroamericano, grazie alle loro sperimentazioni e incroci di chitarre e batterie con un Pad elettronico, strumenti con cui hanno rivisitato brani famosi di The Black Keys, Fantastic Negrito, Rival Sons, Larkin Poe e altri ancora in una chiave Dirty Blues. A seguire questo duo graffiante, ci sarà il grande innovatore della musica blues in Italia Roberto Formignani, con il suo ritorno al Deltablues insieme ad un gruppo nuovo comporto dal batterista Roberto Morsiani, il bassista Alessandro Lapia, il chitarrista (classico e acustico) Roberto Poltronieri e il tastierista Massimo Mantovani.

A chiudere il Festival, ci sarà un concerto domenica 27 giugno a Fratta Polesine alle 21:30 presso il Mulino al Pizzon con il bluesman chitarrista e cantante del South Carolina Big Daddy Wilson, anche percussionista, che accompagnerà tutti gli ascoltatori in un viaggio dal Delta del Blues fino al Blues della città contemporanea. Big Daddy è stato definito “una voce con il potere di guarire” da Eric Bibb, maestro del folk blues, che spesso ha collaborato con Big Daddy in concerti.
Il concerto avrà luogo dopo l’evento “Deltablues lungo il Fiume di Mezzo”, una escursione fluviale nel Canalbianco, con imbarco alle ore 11:00 presso l’attracco del Mulino al Pizzon di Fratta Polesine, con visita al Castello.

L’acquisto dei biglietti in prevendita è fino alle 13,00 del giorno antecedente i singoli concerti presso il sito www.diyticket.it (telefono 06 0406).
Per informazioni consultare il sito internet www.deltablues.it, spedire una mail a [email protected], telefonare al 346 6028609, visitare le pagine Facebook e Instagram.
Tutti i concerti prevedono la riduzione sul costo dei biglietti del 20% per i minori anni 18, i possessori UNIVERCITY CARD del Consorzio Università Rovigo, i soci Rovigo Jazz Club e Slow Food Rovigo, i soci COOP Alleanza 3.0.

f.s