Vaccini, Fedriga: “La macchina Regioni è pronta per le terze dosi”

Ma la campagna vaccinale di massa rimane insostenibile sul lungo periodo

09.06.2021 – 09.00 – La campagna vaccinale avrà un’evoluzione radicalmente diversa a seconda che si trasformi in un appuntamento annuale, come coi vaccini anti influenzali, o se al contrario si tratterà di un unico, gigantesco, sforzo collettivo. Nel primo caso le attuali strutture – gli hub, le campagne pubblicitarie, i centri vaccini -non sono sostenibili sul lungo periodo, né per i costi, né per la tentacolare organizzazione messa in campo.
Lo ha dichiarato il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, a Sky Tg24:
Abbiamo una macchina delle Regioni che è pronta già da adesso a partire, ma è chiaro che una cosa è se serve una terza dose e poi finisce là, un’altra se sarà un vaccino annuale“.
“Se diventasse un vaccino ripetitivo – ha spiegato – a quel punto noi dovremmo passare dalla straordinarietà di questa campagna vaccinale all’ordinarietà, che significa coinvolgere i medici di medicina generale e le farmacie“. Solo allora “potremo smantellare gli hub vaccinali”, come ipotizzato dal generale Figliuolo, coordinatore della campagna in corso.
“Un’organizzazione straordinaria sul lungo periodo diventa insostenibile – ha rimarcato Fedriga – ma dall’altra parte dobbiamo avere la certezza di garantire il diritto alla salute dei nostri cittadini”.

[i.v.]