29.7 C
Trieste
lunedì, 8 Agosto 2022

Ripartenza, ok commissione a contributi cultura e sport

26.05.2021 – 15.00 | Tutti d’accordo sugli incentivi per rilanciare attività culturali e sportive capaci di dare lavoro a molti lavoratori intermittenti. I consiglieri della V Commissione, riuniti in aula sotto la presidenza del leghista Diego Bernardis, hanno espresso parere favorevole alla delibera di Giunta che prevede un avviso pubblico per la concessione di contributi annuali, sulla base della recente legge 2 del 2021.

“Dobbiamo superare – ha spiegato l’assessore Tiziana Gibelli – la fase dei ristori e passare a quello che io chiamo il ‘ricominciamo’. In altre parole torniamo a riconoscere il merito, e contemporaneamente aiutiamo molti professionisti che per ragioni di status fiscale non sono riusciti finora a ottenere i ristori. Mi riferisco – ha specificato – ad attori, musicisti e
tecnici che lavorano a intermittenza”.

La Giunta ha pensato a forme di contratto temporaneo per un minimo di 30 giorni, facilmente applicabili agli attori di prosa e un po’ meno agevoli per i musicisti. “Stiamo ragionando su una soluzione che consenta di venire incontro anche a questa categoria di professionisti, evitando però l’eccessiva frammentazione”, ha spiegato l’assessore, che si è poi soffermata sulle partnership: “Dobbiamo evitare che i soggetti partner portino via troppe risorse, passeremo alla misura massima del 30 per cento. La preoccupazione principale è per gli artisti, per chi lavora”.

Trasversale l’apprezzamento per il nuovo bando. “Condivido finalità e osservazioni dell’assessore – ha detto Franco Iacop del Pd – ma mi chiedo come mai le Pro Loco siano escluse dai beneficiari nonostante abbiano in alcuni casi un ruolo di promozione culturale”. “Se estendessimo la misura alle Pro Loco – gli ha risposto Gibelli – avremmo centinaia di soggetti in più e risulterebbe difficile governare la platea. Senza contare che la legge classifica le Pro Loco come enti di promozione turistica”.

Giuseppe Nicoli, capogruppo di Forza Italia, ha invece chiesto e ottenuto rassicurazioni sulla possibilità di incentivare eventi e manifestazioni sportive attraverso contributi alle associazioni dilettantistiche, “per premiare il territorio e incrementare il turismo”. Rispondendo ai chiarimenti chiesti da Furio Honsell (Open), l’assessore ha spiegato che i musicisti free lance potranno rientrare in questa misura facendosi assumere con un regolare contratto, mentre tecnici luci e specialisti audio potrebbero essere pagati come fornitori o come soggetto partner.

Tra i beneficiari dei contributi per eventi sportivi non potranno infine esserci i Comuni, come ha spiegato Gibelli a Giampaolo Bidoli, consigliere del Patto per l’Autonomia che desiderava specificazioni sul perimetro dei potenziali beneficiari. “Non sono i Comuni a organizzare le manifestazioni sportive – ha detto l’assessore – e a gestire gli impianti, normalmente affidati alle associazioni sportive dilettantistiche che sono quelle più bisognose di aiuto in questo momento”.
C.S.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore