Filippo, sei grande! A Ganna prima tappa e maglia rosa del Giro 2021

08.05.2021 – Paganini non ripete, Ganna sì: dopo aver vinto tutte e tre le tappe a cronometro del Giro 2020, infatti, il campione del mondo a cronometro si ripete anche nella tappa inaugurale del Giro 2021, strappando sul traguardo di Torino un ottimo 8’47”, che permette al corridore della Ineos di centrare per il secondo anno di fila la prima maglia rosa dell’anno. Battuto l’altro italiano Edoardo Affini della Jumbo Visma, a lungo primo in classifica e beffato proprio dal super piemontese per 10″. Per Ganna si tratta della quinta affermazione al Giro, la quarta (consecutiva) in una cronometro. Completa il podio l’altro corridore della Jumbo Visma: il norvegese Foss, che fa segnare un tempo di 9’00”. L’ultima volta che qualcuno aveva vinto quattro crono di fila al giro era il 1985: allora fu Moser (che fu anche l’ultimo, prima di Ganna, a indossare la prima maglia rosa in due giri di fila).

Battuto Evenepoel, bene gli italiani

Partito con i favori del pronostico alla vigilia, il cronoman di Verbania ha il miglior crono anche al rilevamento intermedio, battendo su tutta la linea l’annunciato rivale di giornata, il formidabile belga Remco Evenepoel, alla prima partecipazione al Giro d’Italia e con gli occhi di tutti gli appassionati addosso. Il corridore della Deceuninck, al ritorno alle corse dopo nove mesi di inattività, fa registrare un comunque eccellente settimo tempo, con 9’06”, battuto dal compagno di squadra (e concorrente per il ruolo di capitano) Joao Almeida, classificatosi quarto con 17″ di ritardo dal leader.

Buon tempo per Vincenzino Nibali, che dopo l’infortunio che ne aveva messo a rischio la partecipazione alla corsa rosa, arriva cinquantesimo e perde solo 40″ dal campione azzurro e mantiene tutto sommato contenuti i distacchi dai principali candidati alla vittoria finale, Yates (solo 2″ il distacco tra i due) e Bernal, che ha fatto meglio dello Squalo per appena 3″. Gli italiani in gara si difendono: nella top ten entra infatti anche un altro italiano, Moscon, che chiude decimo a 23″ da Ganna, precedendo per 2″ il connazionale Bettiol, dodicesimo alla fine davanti a Castroviejo. Tra gli italiani nei primi 25 troviamo anche Ulissi (sedicesimo), De Marchi, Felline, Pozzovivo, Conti (tra il diciannovesimo e il ventiduesimo posto) e Caruso venticinquesimo.

La top ten della 1ª tappa del Giro 2021
1) Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) 8’47″52
2) Edoardo Affini (Jumbo-Visma) +09’98;
3) Tobias Foss (Jumbo-Visma) +12″60;
4) Joao Almeida (Deceuninck-QuickStep) +17″35;
5) Remi Cavagna (Deceuninck-QuickStep) +17″51;
6) Jos Van Emden (Jumbo-Visma) +18″34;
7) Remco Evenepoel (Deceuninck-QuickStep) +18″97
8) Max Walscheid (Qhubeka-Assos) +19″41
9) Matthias Brändle (Israel Start-Up Nation) +22″36;
10) Gianni Moscon (Ineos Grenadiers) +23″25.

Trattandosi della prima tappa, classifica di tappa e classifica generale coincidono. Il campione del mondo a cronometro Filippo Ganna è primo anche nella classifica a punti e nella classifica giovani, ma la maglia ciclamino sarà indossata domani (domenica 9 maggio) da Edoardo Affini, secondo, mentre la maglia bianca sarà sulle spalle di Foss (terzo in entrambe le classifiche).