14.2 C
Trieste
domenica, 25 Settembre 2022

Omnibus: ok Aula a prime norme su risorse agroalimentari e forestali

28.04.2021 -18.34 – Il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, riunito a Trieste e presieduto da Piero Mauro Zanin, ha proseguito l’esame del ddl 130 Omnibus approvando gli articoli dal 5 al 9 dedicati ai temi delle risorse agroalimentari e forestali, della biodiversità, dei funghi, della gestione venatoria e della pesca sportiva, ambiti di diretta competenza dell’assessore Stefano Zannier che è intervenuto per illustrare e approfondire i singoli passaggi in base ai fattori evidenziati nel corso delle discussioni. Disco verde anche a tutti gli emendamenti presentati, nessuno dei quali di ispirazione giuntale. Nello specifico, sì alla proposta del dem Cristiano Shaurli che, attraverso un subemendamento, puntava a finalizzare l’iter di candidatura di due nuove aree interne, Valli del Natisone e Valli del Torre, nell’ambito della programmazione comunitaria regionale 2021-27 con particolare riguardo allo sviluppo territoriale sostenuto da Fesr, Fse, Feasr e Feamp. Per quanto concerne gli aiuti alle filiere agroalimentari nell’ambito del Programma anticrisi Covid-19, soddisfatte anche le proposte dei leghisti Danilo Slokar e Alberto Budai (insieme al capogruppo Mauro Bordin) per allargare i provvedimenti agevolati con il Fondo di rotazione, già deputati a sostenere il comparto della carne, anche a quello lattiero-caseario.

Idem per le imprese che attuano in forma congiunta e integrata investimenti per ripristinare e sviluppare le colture dell’olivo, ma anche per i progetti che prevedono l’impiego di mezzi non inquinanti e sostenibili per la produzione e la distribuzione del latte. Sullo stesso tema, mirando a un ulteriore ampliamento degli interventi finanziabili, approvazione unanime per l’iniziativa pentastellata (prima firmataria Ilaria Dal Zovo, affiancata dai colleghi di partito Mauro Capozzella, Cristian Sergo e Andrea Ussai) per allargarli anche ai derivati del latte, mentre diventa un ordine del giorno il sostegno alle filiere complete che prevedono la produzione e la trasformazione dei prodotti agricoli ad alto valore aggiunto. Appagato, in tal senso, anche Furio Honsell (Open Sinistra Fvg) che, avendo recepito alcune esigenze emerse in sede di audizione, auspicava l’inserimento anche del nocciolo nelle attenzioni prestate alle colture del castagno e del noce.

Ritirati per trasformarli in ordini del giorno, invece, i suoi altri tre emendamenti legati ai prodotti a chilometro zero e a quelli biologici. Decisive, in tal senso, le parole dell’assessore Zannier che ha assicurato l’intenzione “di includere ulteriori comparti nel provvedimento e che, senza voler porre limiti di settore, l’idea era quella di iniziare comunque dalle filiere più fragili”. Igor Gabrovec (Ssk), dal canto suo, ha ritirato due iniziative personali che auspicavano una dicitura plurilingue per il marchio Io Sono Friuli Venezia Giulia (soprattutto nei territori di insediamento delle minoranze linguistiche riconosciute e tutelate), più alcune modifiche alla legge regionale 26/2020, relativa alla concessione di contributi per l’acquisto e il posizionamento di recinzioni e altri sistemi di controllo passivo contro l’ingresso della fauna selvatica a favore delle Pmi con allevamenti di suini.

Nell’ambito del sostegno alle iniziative di AgrifoodFvg durante il periodo di emergenza sanitaria, inoltre, voto positivo anche per Giuseppe Sibau e Mauro Di Bert (Progetto Fvg/Ar), ai quali si è aggiunto in un secondo momento Elia Miani (Lega), promotori di una nuova destinazione come centro di trasformazione, stoccaggio, commercializzazione e degustazione di prodotti agroalimentari del territorio per il già finanziato immobile che, invece, avrebbe dovuto completare la latteria nel Comune di San Pietro al Natisone. Infine, concessa a due esponenti del Carroccio, Diego Bernardis e Slokar, la richiesta di una deroga di due mesi (dal 31 marzo al 31 maggio) da concedere agli istituti tecnici agrari per la presentazione delle domande di contribuito per l’acquisto di attrezzature e la realizzazione di impianti per migliorare le attività didattiche e formative.

(c.s.) d.g.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore