20.6 C
Trieste
venerdì, 30 Settembre 2022

Omnibus, Nicoli (FI): risolvere problematiche edilizia, dragaggi e stabilimenti balneari

27.04.2021 – 17.51 – “Positive le norme di manutenzione in tema di edilizia e altre che tentano di mettere chiarezza, sulle quali Forza Italia rivendica un lavoro di attenzione alle criticità espresse da categorie ed enti locali in tema di ecobonus e sismabonus, ma c’è l’esigenza di sanare il generale disallineamento tra normativa nazionale e regionale con norme quadro”. lo afferma il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale, Giuseppe Nicoli, intervenuto in Aula nel corso della discussione sul disegno di legge 130 Omnibus. “Sono i professionisti e gli uffici tecnici comunali, in primis, a richiedere uno sforzo normativo per mettere ordine in materia edilizia e paesaggistica – osserva il capogruppo forzista -, in particolare nel rapporto tra norme nazionali e regionali. Per questo auspichiamo una revisione complessiva della materia, producendo un unico quadro normativo di riferimento aggiornato anche alle leggi nazionali, senza doverle rincorrere”.

“Rispetto a questi temi, in riferimento soprattutto all’ecobonus 110 per cento – aggiunge Nicoli -, il gruppo consiliare di Forza Italia ha dato il suo contributo alla giunta nel corso della stesura del ddl 130 e alcune proposte sono state recepite. Avremmo gradito un riconoscimento palese, anche in commissione, di questo contributo”.

Nicoli ha posto l’accento anche sulla “necessità di manutenzioni alle vie d’acqua e dragaggi. Sul canale est-ovest di Monfalcone, per esempio, si affacciano realtà che danno lavoro a oltre 3 mila persone, eppure si sta insabbiando. L’auspicio è che terminino le visite istituzionali non seguite da provvedimenti, tra l’altro senza coinvolgimento dei consiglieri regionali che possono portare un contributo”.

“Sul turismo si sta facendo molto – riconosce Nicoli -, ma si necessita anche di norme che vadano a tutelare i concessionari degli stabilimenti balneari sulla problematica del farsi carico della pulizia del materiale spiaggiato, materia delicata che dev’essere risolta. Auspico infine che con le risorse ad hoc messe in campo dalla giunta regionale, quella termale possa essere una delle attività sulle quali il turismo regionale possa puntare”.

(c.s.) d.g.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore