Mademoiselle Zara: la personale di Tarik Berber supportata da Zerial Art Project Trieste

18.04.2021 – 09.00 – Mademoiselle Zara è il titolo della nuova mostra personale dell’artista bosniaco Tarik Berber, inaugurata il 1° aprile 2021 e visitabile fino al 3 maggio 2021 a Zara (Croazia) presso il Rector’s Palace – National Museum Zadar, supportata dalla galleria Zerial Art Project, Nova Design e Istria Nuova.
In mostra ci sono cinquantacinque opere dell’artista dal 2016 al 2021, suddivise in sei sale con lavori che spaziano dalle tele della mostra di Firenze “Toxic Cadmium”, nudi su sfondi rosso rubino, per passare dalle figure femminili della serie “Seven Sisters”, insieme alla serie Bipop fino ad arrivare a degli inediti dipinti a Milano durante il lockdown del 2020, con disegni a china su carta e dettagli di colore a penna, in una sovrapposizione grafica. Di questi ultimi, mai presentati prima al pubblico, sono “La solita asintomatica”, “La Madonna della nostra peste”, “Il vortice della pandemia”. L’intera personale è un omaggio a Zara, luogo di ritorno dell’artista che sostiene di “dover pagare il suo debito” con questa città che l’ha sempre accolto ad ogni suo ritorno, poiché “Zara è diventata nel tempo una città dove ho capito come volevo dipingere.”
Il percorso artistico di Berber passa attraverso i tratti della pittura fiorentina italiana del ‘400, per aprirsi ad un linguaggio che vede le suggestioni del nord Europa (soprattutto nella parte londinese) e gli influssi dell’arte tedesca di Albrecht Dürer. Lo studio approfondito e il lavoro costante negli anni, hanno portato l’artista Tarik Berber a creare un’innovazione tecnica del suo percorso artistico, che convoglia nell’unione del colore e delle tecniche pittoriche tradizionali con una sperimentazione sulle arti grafiche e incisorie.

Nota biografica: Tarik Berber nasce a Banja Luka (Bosnia ed Erzegovina) nel 1980. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Dopo un paio d’anni passati a Berlino e sette anni a Londra si trasferisce a Milano. Attualmente vive e lavora tra Milano e Zara. Ha esposto in numerose mostre personali in Italia e all’estero. Nel gennaio 2020 la Fondazione Maimeri ha ospitato la retrospettiva “Seven Sisters” curata da Andrea Dusio in collaborazione con Arte.it. Le sue opere sono presenti in importanti collezioni private e pubbliche.

f.s