Roma batte Trieste 20-11, ma buona prova delle orchette

08.04.2021 – Due tempi equilibrati, poi, come da pronostico, Roma mette la freccia e si prende la partita. Termina qui la Coppa Italia della Pallanuoto Trieste, con le capitoline che vincono per 20-11, eliminano la squadra giuliana e accedono alla semifinale, in programma questo pomeriggio alle 15, contro Plebiscito Padova. L’altra semifinale, che si giocherà invece alle 16,45, si giocherà tra Ekipe Orizzonte e CSS Verona, con le scaligere passate direttamente in finale a causa del forfait di Florentia. Entrambe le sfide saranno trasmesse in diretta tv su RaiSport e su WaterpoloChannel.

Due tempi di alto livello, dopo tanto tempo senza giocare e contro un’avversaria come Roma, non erano facili da mettere in vasca. Così, l’allenatrice di Trieste, Ilaria Colautti, nonostante il 20-11 subito loda comunque le sue ragazze: “Complimenti alle ragazze – racconta Ilaria Colautti a fine partita – siamo arrivate qui a corto di condizione, ma la squadra ha reagito bene, giocando due tempi davvero ottimi, con qualità e determinazione.”. La condizione fisica, visto anche che negli ultimi giorni le ragazze non hanno potuto allenarsi per via dell’isolamento dovuto alla positività che ha costretto al rinvio della partita con Ancona, non era certo delle migliori: “Nel terzo periodo il calo fisico era praticamente inevitabile e ci è mancata la lucidità necessaria per arginare le loro offensive.”. Nel complesso, però, la prestazione è stata buona e fornisce degli spunti importanti per la squadra giuliana: “Ripartiamo da questa prestazione per crescere ancora” conclude Colautti.

Roma – Trieste 20-11: la cronaca.

Si comincia subito con il botto, perché dopo 22″ Roma la sblocca con Tabani, a cui risponde Bettini per l’1-1 di Trieste. Romane sul +2 ancora con Tabani e con Avegno in controfuga, ma Trieste è in partita e trova il 3-2 con Boero in superiorità. Galardi ricostruisce il +2 giallorosso, ma Bettini risponde. La più pericolosa tra le romane è Tabani, che trova infatti il 5-3, ma Trieste accorcia ancora con Gagliardi, prima del 6-4 di fine primo periodo segnato da Roma con Galardi. Trieste riacciuffa la partita in apertura di secondo periodo con un doppio acuto di Klatkowski, ma Roma si riporta avanti con Giustini su rigore. Risponde ancora Bettini per il 7-7, poi le giallorosse ritentano la fuga con Avegno e Giustini. Bettini tiene Trieste in scia trovando il 9-8, ma le capitoline si riportano ancora sul +2 grazie ad Avengo. Storai potrebbe trovare anche il +3 su rigore, ma Elisa Ingannamorte è attenta e lo para e, sull’azione successiva, Klatkowski trova il 10-9 di metà partita.

In apertura di terzo periodo, Trieste potrebbe pareggiare con Bettini, ma la portiera avversaria Sparano para e lancia Avegno, che dà il via all’assolo giallorosso della seconda metà di gara, targato ancora Avegno (stavolta su rigore), Sinigaglia e due volte Giustini, che ipotecano il passaggio in semifinale di Roma portando il punteggio del terzo quarto sul 15-9. Nell’ultimo quarto il passivo di Trieste aumenta, con le romane che trovano la rete con Di Claudio, Giustini, Avegno (a segno altre due volte) e Tabani, mentre per le orchette vanno a segno Boero su rigore e Cergol, per fissare il punteggio sul 20-11 finale.

Roma – Trieste 20-11: il tabellino.

Roma – Trieste: 20-11 (6-4; 4-5; 5-0; 5-2)
Roma: Sparano, Tabani 4, Galardi 2, Avegno 7, Giustini 5, Papi, Picozzi, Sinigaglia 1, Nardini, Di Claudio 1, Storai, Bianchi, Brandimarte. Allenatore: Capanna.
Trieste: S. Ingannamorte, Gagliardi 1, Boero 2, Gant, Marussi, Cergol 1, Klatowski 3, E. Ingannamorte, Bettini 4, Lonza, Jankovic, Russignan, Krasti. Allenatrice: Colautti.
Arbitri: Frauenfelder e Guarracino.
Note: nessuna uscita per limite di falli; nel secondo periodo S. Ingannamorte (T) ha parato un rigore a Storai; superiorità numeriche Sis Roma 1/2 + 2 rigori, Pallanuoto Trieste 3/10 + 1 rigore.