Autismo, Sut (M5S): “sostegno e vicinanza sempre”

02.04,2021 – 17.55 – “La pandemia ha cambiato le vite di tutti noi, ma alcune più di tutti. Una persona autistica – lo dichiara Luca Sut, capogruppo M5S X Commissione Attività produttive della Camera dei deputati – vive in maniera diversa e molto più complessa le restrizioni anti-Covid: le limitazioni negli spostamenti, l’esigenza di maggior accortezza nei piccoli gesti quotidiani hanno messo a dura prova chi è affetto da un disturbo dello spettro. Non meno le famiglie, chiamate a un ulteriore impegno nell’assistenza al loro caro. Nella Giornata mondiale per la consapevolezza sull’#Autismo voglio ringraziare tutte quelle realtà che sono rimaste al fianco dei familiari, sostenendoli in questo frangente di particolare difficoltà legato all’emergenza sanitaria. Parliamo di associazioni che non hanno mai fatto venire meno il loro sostegno, garantendo continuità nell’assistenza. Modificando le modalità dei trattamenti per accompagnare gli assistiti nelle nuove esigenze legate al Covid”.

“Grazie, grazie a questi professionisti – prosegue Sut – che non hanno mai lasciato sole le persone con autismo e le loro famiglie che vivono una perenne emergenza, come ricordato da Cinzia Raffin, Presidente della Fondazione Bambini e Autismo Onlus di Pordenone. Nell’ultima legge di Bilancio si è previsto di incrementare il Fondo per la diagnosi, il trattamento e il monitoraggio dei disturbi dello spettro autistico. Per l’assegno unico universale c’è un implemento compreso tra 30% e il 50% in caso di presenza in famiglia di una persona con disabilità. Le Istituzioni devono continuare a sostenere le persone colpite da disturbi dello spettro autistico, a partire dal supporto per la ricerca scientifica, dal potenziamento delle strutture socio-assistenziali e dalla formazione di figure professionali specializzate nei trattamenti. Continuiamo a lavorare per l’inclusione sociale, perchè nessuno va lasciato indietro. Il blu che illuminerà oggi molti palazzi istituzionali sia presente tutto l’anno nella coscienza collettiva degli italiani”.

(c.s.) d.g.