Governo Draghi, l’ex fiorettista azzurra Valentina Vezzali è il nuovo Sottosegretario allo Sport

12.03.2021 – 15:35 – Valentina Vezzali, ex fiorettista italiana 6 volte medaglia d’oro olimpica nelle categorie individuale e a squadre, è stata chiamata a ricoprire il ruolo di sottosegretario allo Sport del nuovo Governo Draghi. La nomina è stata approvata all’uninimità dal Consiglio dei Ministri. La plurolimpionica del fioretto entrerà subito in carica senza perdere alcun tempo; a calendario, infatti, ci sono già molteplici nodi da sbrogliare in materia di sport, primo su tutti la gestione delle attività professionistiche e dilettantistiche permesse e da sospendersi con l’entrata di tre quarti di Italia in zona rossa a partire dal prossimo lunedì. Dai ristori alle palestre e piscine, dai bonus ai collaboratori sportivi alla stesura di un piano di riapertura in sicurezza di tutte le attività; questi sono solo alcuni dei temi con i quali la fiorettista marchigiana dovrà scontrarsi. Una partita cruciale sarà poi rappresentata dalla gestione del Recovery Plan dove occorrerà, in breve tempo, realizzare una progettazione seria e a lungo termine che rilanci lo sport italiano, anche e soprattutto a livello di impiantistica, con una vera e propria riforma. Il percorso all’interno del quale agire dovrà essere, durante e dopo la pandemia, quello che va verso una maggiore valorizzazione dell’attività motoria in tutte le sue forme, come fattore essenziale di salute, benessere psico-fisico, partecipazione e inclusione sociale.

Vezzali, cresciuta nella scuola di Jesi, ha vissuto la sua carriera sportiva indossando i colori delle Fiamme Oro della Polizia di Stato, dov’è tuttora impegnata presso il settore giovanile. E proprio l’ex capo della Polizia, Franco Gabrielli, ora sottosegretario con delega ai servizi segreti, avrebbe suggerito al premier Mario Draghi la figura della fiorettista.

Il commento di Valentina Vezzali:

“Sono profondamente onorata per l’incarico ricevuto dal Presidente del Consiglio. Essere chiamata ad occuparmi di sport, cioè di quello che è il mio mondo e la famiglia dalla quale provengo, è per me una sfida importante che affronterò con tanta umiltà e forte determinazione. Mi metterò da subito al servizio della comunità sportiva del nostro Paese, ben consapevole che il momento che stiamo vivendo è, anche per il nostro mondo, particolarmente difficile e delicato. Mi riferisco soprattutto allo sport di base: un universo di società, lavoratori sportivi, ma anche volontari ed appassionati e, soprattutto, tanti ragazzi, che stanno soffrendo più di altri per le costrizioni conseguenti alla pandemia, ed ai quali è stata tolta la bellezza della pratica sportiva e soprattutto i benefici, anche in termini di benessere e salute”.

“L’impegno, così come in pedana, sarà volto ad onorare l’Italia. Per questo sarà anche necessario supportare quanti si preparano ad affrontare, sotto le insegne tricolore, i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo e le diverse competizioni internazionali, durante le quali ci sentiamo orgogliosi di essere italiani. E’ necessario rilanciare lo Sport a 360 gradi e delineare, con scelte importanti, il suo futuro”.

“Farò tesoro dell’esperienza maturata in questi anni e ringrazio quanti, ad iniziare dai miei maestri, il Gruppo Sportivo Fiamme Oro, la FederScherma che ho sentito vicina in queste ore, ed il suo Presidente onorario Giorgio Scarso, per aver sempre creduto in me non solo come atleta. Assicuro spirito di servizio, impegno, entusiasmo e dedizione. Sono e resterò una sportiva e spero di poter ricambiare allo sport quanto, in tanti anni, mi ha dato”.