16.4 C
Trieste
sabato, 1 Ottobre 2022

Portogruaro a 4 stelle: vince a Montecchio e torna a respirare

15.02.2021 – 09.13 – Tornare a Montecchio per il Portogruaro significa ogni volta giocare uno scontro diretto. Un anno fa, in uno dei punti più alti della gestione Favro, le granata uscirono vincitrici 0-3 dal terreno vicentino. Ci si giocava la vetta, era la prima fase dell’Eccellenza, preludio a dei playoff che non si giocarono mai. Le due squadre oggi, più che incontrarsi si sono ritrovate: stavolta la categoria è la serie C, la posta in palio sono tre punti d’oro per la corsa alla salvezza. Ha vinto di nuovo il Porto, di nuovo con un risultato largo, che avrebbe potuto essere più ampio e non solo per le granata. La vittoria le porta al quintultimo posto, ora in coabitazione con la Triestina, a tre lunghezze dalla zona retrocessione. Tomasello doveva fare a meno di Longato al centro della difesa ma Chiarot al suo posto ha trasmesso sicurezza. Feletti aveva già colpito il Le Torri in Coppa Italia, con questa tripletta si sblocca in campionato, le granata avranno bisogno anche dei suoi gol. La partita nel primo tempo è stata equilibrata, incanalata dai primi due centri della centravanti granata in chiusura di frazione. Le vicentine si sono rese pericolose in più occasioni ma hanno sofferto per la prestazione sottotono dell’attesa Bonvicini e si sono piegate definitivamente quando nel secondo tempo prima una grande parata di Comacchio negava il gol dopo l’assolo di Chiurato e poi Calandra veniva espulsa.  da lì in poi è stato solo Portogruaro: altri due gol e la passerella finale dedicata a Feletti, che ha lasciato il poto a Giada Vignandel, classe 2006, all’esordio in C.

Fin dall’inizio sono diversi i momenti in cui l’equilibrio può spezzarsi, sia da una parte che dall’altra: Furlanis al 5’ mette alto su suggerimento di Feletti, poi Dal Toe (la più pericolosa delle locali) con due tiri impensierisce Comacchio. Spollero, recuperata fino al termine, si fa vedere dalle parti di Dal Dosso, ma al 33’ la solita Dal Toe sfiora l’incrocio dopo un’azione personale. Il vantaggio portogruarese arriva però nel modo più letale, a ridosso dell’intervallo, al 38′: la numero 9 ospite scaglia dai 20 metri un rasoterra che buca Dal Dosso. La risposta del Le Torri porta al 44’ all’assegnazione di un rigore per fallo di Battiston che però Urlando calcia alto sopra la traversa. Già nella vittoria contro l’Isera le avversarie avevano sbagliato un penalty, evidentemente deve essere un segno di buon auspicio: ancora Feletti raddoppia nel recupero, avventandosi su un pallone vagante nel cuore dell’area.

La difesa locale si dispone spesso alta, col passare dei minuti nella ripresa le distanze si allungano e Tomasello inserisce Finotto per scatenarne la velocità alle spalle della retroguardia vicentina. La mossa darà i propri frutti a lungo termine, nel frattempo il Le Torri prova a rientrare in gara con la gran conclusione di Dal Toe che impegna severamente Comacchio, autrice di una parata da copertina. Il massimo sforzo delle ragazze di mister Sartori si infrange al 61’ sull’espulsione di Calandra per qualche parola di troppo rivolta all’arbitro. La gara diventa un monologo del Portogruaro, che può gestire il vantaggio e lanciare in contropiede la velocità di Finotto: la neoentrata prima va vicina al gol, poi al 75’ guadagna un rigore che però Feletti si fa respingere da Dal Dosso. Il Le Torri alla lunga cala, il tris personale di Feletti arriva in contropiede, così come lo 0-4 al 93’ a firma di Finotto, imbeccata da Spollero.

Le Torri:

Dal Dosso, Tavoso (62’ Magnabosco), Cona, Calandra, Dal Toe, Urlando, Pegorraro (62’ Miotti), Caldaro (33’ st Ndiaye), Bonvicini, Faccioli, Chiurato. Allenatore: Sartori.

Portogruaro:

Comacchio, Battiston (15’ st Scudeler), Matiz, Spollero, Volpatti, Chiarot, Nodale (25’ st Gashi), Novellino, Feletti (40’ st Vignandel), Furlanis, Piemonte (5’ st Finotto). Allenatore: Tomasello

 

 

 

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore