18.6 C
Trieste
sabato, 28 Maggio 2022

Bollette energia e gas, niente Bonus Sociale automatico: come richiederlo e chi ne ha diritto?

13.01.2021 – 11.00 – Il Bonus Sociale è uno sconto sulle bollette di energia elettrica e gas, che è stato introdotto dal Governo e attuato dall’autorità ARERA, per aiutare le famiglie in difficoltà economica ad alleggerire le proprie bollette. Ancora oggi però, moltissime famiglie che ne avrebbero diritto, non fanno richiesta e non godono quindi di tale bonus.
Il motivo per cui non compilano i moduli è molto semplice: non sono al corrente che hanno diritto alle agevolazioni, oppure si dimenticano di rinnovare la richiesta che deve essere presentata ogni anno.
Ecco che l’ARERA ha proposto, per il nuovo anno (2021), di automatizzare l’applicazione del bonus sociale a tutte le famiglie aventi diritto, collaborando direttamente con l’INPS. Semplificando, il procedimento sarebbe il seguente: ricevere i dati INPS sul reddito dei cittadini e applicare automaticamente il Bonus a coloro che rientrano nei parametri, senza obbligare le famiglie a fare richiesta tutti gli anni.

Ma quali sono i parametri per accedere al bonus? Le condizioni per ottenere il bonus, rimangono invariate rispetto al 2020. Quindi:

  • Avere un ISEE non superiore a 8.265€
  • Avere un ISEE non superiore a 20.000€ se nel nucleo ci sono più di 3 figli a carico
  • Essere titolari di Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza

Non cambiano nemmeno gli importi, che sono:

  • 125 € per le famiglie con uno o due componenti,
  • 148 € per le famiglie di tre o quattro componenti,
  • 173 € per le famiglie con oltre quattro componenti.

Possono inoltre usufruire del bonus elettrico per disagio fisico tutti i clienti domestici affetti da grave malattia o che ospitano un soggetto affetto da tale malattia che rende necessario l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali. In questo caso, lo sconto sarà varierà in base alla potenza del contatore e agli scaglioni di consumo annuo.

Per contratti fino a 3 kW:

  • 185 € per consumi fino a 600 kWh all’anno
  • 305 € per consumi tra 600 e 1200 kWh all’anno
  • 440 € per consumi oltre 1200 kWh all’anno

Per i contratti con potenza impegnata oltre 3 kW:

  • 433 € per consumi fino a 600 kWh all’anno
  • 548 € per consumi tra 600 e 1200 kWh all’anno
  • 663 € per consumi oltre 1200 kWh all’anno

Il Garante sulla Privacy Blocca il Bonus Automatico: purtroppo l’automatizzazione del Bonus non è stato accettato dal Garante della Privacy che sostiene che il metodo proposto presenta delle criticità riguardo il trattamento dei dati personali. Infatti, l’INPS (titolare dei dati) dovrebbe comunicare i dati degli utenti al SII (Sistema Informatico Integrato) e questo viola le normative sulla privacy.
In altre parole, la proposta di automatizzare la richiesta è stata bocciata perché non vengono rispettate le normative sulla protezione dei dati personali e gli utenti dovranno, anche per quest’anno, presentare la richiesta.

Come si fa richiesta? Per ottenere il Bonus bisogna fare una richiesta scritta, che verrà valutata e poi può essere accettata o respinta. Per presentare domanda è necessario compilare gli appositi moduli e consegnarli al Comune di residenza o presso un altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (per esempio i Centri di assistenza fiscale – CAF). I moduli li puoi trovare all’interno del sito dell’ARERA (o semplicemente cercando su Google “Bonus Sociale Energia”). Oppure puoi chiedere aiuto al tuo consulente energetico di fiducia, se ne hai uno e farti aiutare direttamente da lui.

-Manuel Flaugnacco –

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore