Dimissioni direttore dei lavori: bagarre sul Tram di Opicina

22.01.2021 – 12.50 – Si arricchisce di un nuovo episodio il dibattito circa la gestione ed il proseguimento dei lavori di manutenzione e ripristino del Tram di Opicina e del suo relativo percorso ferrato da parte del Comune di Trieste. L’ex sindaco del capoluogo giuliano, Roberto Cosolini, oggi consigliere regionale, in merito alla vicenda, ha voluto interpellare con un post attraverso i suoi canali social l’Amministrazione Comunale, chiedendo se fosse vero che l’attuale Direttore ai lavori della linea tranviaria avesse o meno, nei giorni scorsi, rescisso il proprio contratto per la gerenza degli stessi. “Una decina di giorni fa – si legge nel post del consigliere – l’Assessore ai Lavori Pubblici Lodi interpretava il volo dei droni come segno della partenza del cantiere, sembra di essere tornati all’antica Grecia quando dal volo degli uccelli si traevano gli auspici. Forse più che i droni sarebbe più incoraggiante vedere operai attivi e magari un Direttore ai Lavori. L’Amministrazione dovrebbe dirci se è vero che il direttore dei lavori, persona seria e professionalmente qualificata, avrebbe nei giorni scorsi rescisso il contratto, comprensibilmente aggiungo io. Se è vero, dovrebbe dirci come mai, dal momento che a sentire l’Assessore, tutto sarebbe sotto controllo” – ha concluso il consigliere.

Dal canto suo, Elisa Lodi, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Trieste, ha confermato che il Direttore dei lavori del cantiere del Tram, un professionista locale (indipendente dalla ditta vincitrice dell’appalto, ndr) incaricato di seguire il ripristino di traversine, rotaie e marciapiedi, ha comunicato la volontà di recidere il contratto per motivi personali e professionali. “In base a quanto pattuito con la sottoscrizione del disciplinare di gara – ha asserito Lodi – il vecchio Direttore dovrà continuare a prestare la propria opera per i prossimi 30 giorni. Al termine di questi ultimi, vi sarà l’avvicendamento con il suo successore che, secondo quando mi è stato detto dai miei collaboratori, è già stato individuato e contattato”.

Credo che l’ex Sindaco Cosolini non sia avvezzo alle opere pubbliche ed alle relative procedure, – ha commentato l’assessore – visto che nei suoi cinque anni di amministrazione cittadina ha aperto meno cantieri di quanti ne abbia avviati io nel mio primo anno di mandato”.
Infine Lodi ha voluto ribadire quanto già dichiarato negli scorsi giorni in merito alle critiche bipartisan prevenute nelle precedenti settimane: “Ora non è tempo di fare polemica; la critica fa parte della politica, ma qui spiace constatare che c’è chi spera che il Tram non torni a circolare per avere un tema elettorale contro la giunta Dipiazza. La mia politica è differente, è al servizio della comunità; la stessa che allora ha eletto il sindaco” – ha concluso l’Assessore.

g.t