Assemblea Conte-FIPE, Cinquepalmi (FdI): “Non è la pandemia ad aver creato nuove disuguaglianze”

19.01.2021 – 13:50 – Sta facendo non poco discutere il discorso proferito ieri alla Camera dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, durante l’assemblea con i rappresentanti sindacali della FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi, ndr). Dobbiamo essere consapevoli come governo che si stanno creando nuove diseguaglianze: che ci sono categorie che godono di una maggiore protezione, fasce sociali che riescono anche ad accumulare maggior risparmio rispetto al passato, pensiamo ai pubblici impiegati” – ha dichiarato il Premier.
“I pubblici impiegati riescono a organizzare meglio le attività di vita con lo smart working, lavorando assolutamente sì con un risparmio di spesa e di tempo riguardo i trasferimenti. Ma ci sono altre categorie, settori della popolazione che sono in forte emergenza e sofferenza perché l’impatto della pandemia interessa tutti coloro che non hanno reddito fisso: partite iva, professionisti, piccoli imprenditori che oltre alla perdita di fatturato devono sostenere costi fissi difficilmente comprimibili anche di questi tempi” – ha concluso Conte.

Il commento del consigliere comunale del gruppo di FdI Trieste, Gabriele Cinquepalmi:

Non è la pandemia ad aver creato nuove disuguaglianze come ha affermato ieri il presidente Conte alla Camera, bensì le scelte illogiche e folli di questo a Governo che non ha fatto altro che creare conflitti sociali tra dipendenti pubblici e privati, codici Ateco ristorati e non, imprese autorizzate e bloccate, e anche tra i giovani”.
“Non è possibile che all’interno di una stessa famiglia, e parlo per esperienza personale, vi siano ragazzi che possono effettuare sport perché “di interesse nazionale” e altri invece costretti a casa da mesi senza poter praticare attività. Questo Governo aveva il dovere di aiutare i nostri giovani e i bambini a non allontanarsi dallo sport. Invece dopo quasi un anno di emergenza non è riuscito a capire che una delle priorità sociali era il ritorno a scuola dei nostri ragazzi in sicurezza come la ripresa dell’attività sportiva fondamentale per dare sfogo alle energie, ma anche trasmetterevalori basilari per la formazione dei futuri cittadini di questo Paese“.
Si è espresso così, in una nota, il consigliere comunale del gruppo di Fratelli d’Italia Trieste, Gabriele Cinquepalmi, in merito alle dichiarazioni del Premier italiano.