Mantova e Triestina non si fanno male, 0-0 il finale al “Martelli”

17.01.2021 – Il delicato confronto di Mantova tra i virgiliani e la Triestina si conclude senza vincitori né vinti. Uno 0-0 che accontenta tutti e non fa felice nessuno, con le due squadre che rimangono appaiate a 29 punti, ambedue perdendo forse un’occasione per poter guadagnare punti in ottica playoff sulle dirette avversarie, visto che il calendario propone, in questa 19ª giornata, delle partite interessanti che vedono le squadre di alta classifica incontrarsi tra loro. Adesso testa a Matelica, dove l’Unione di mister Pillon sarà impegnata domenica prossima, 24 gennaio, alle ore 15, nella sfida contro i marchigiani per la 20ª giornata.

Nel complesso, l’ultima partita del girone di andata per gli alabardati non è da buttare: la squadra, dopo la sconfitta contro il Fano, ha provato a reagire, pur mancando di quella brillantezza necessaria in attacco, dove i soli Granoche e Mensah, costretti dagli infortuni dei colleghi agli straordinari, mancano a volte di lucidità nel concludere l’azione (talvolta anche perché imbeccati male dai compagni). Positiva invece la prova della difesa, che conferma i miglioramenti apparsi sin dall’esordio di Pillon: con il nuovo tecnico, in 6 gare giocate la Triestina ha subito appena 4 reti. Il pari di Mantova, conferma inoltre il buon trend della Triestina contro le dirette concorrenti: nelle nove gare giocate contro le squadre tra il primo e il decimo posto, la Triestina ha raccolto 4 successi, 2 pari e 3 sconfitte. Le quattro vittorie, peraltro, sono arrivate tutte contro le squadre che, ad oggi, occupano le prime quattro posizioni.

Mantova – Triestina 0-0: la cronaca.

Rosa quasi al completo per Troise, che deve fare a meno del solo Tozzo, in seguito all’espulsione di Pesaro, sostituito tra i pali dal giovane Riccardo Tosi. Per il resto, il tecnico del Mantova manda in campo i soliti undici, gli stessi della vittoria a Pesaro, con il temibile tridente Guccione-Ganz-Cheddira in avanti. Qualche grattacapo in più, invece, per Pillon: la Triestina è infatti orfana di Capela e Rizzo, due dei migliori elementi alabardati fino a questo momento. Per sostituirli, Pillon sceglie rispettivamente Ligi, schierato al fianco di Lambrughi con Tartaglia dirottato sulla fascia destra, e Giorico, spostato mezzala con Lodi in regia e Maracchi sull’altro lato. A trequarti, è Boultam a innescare Granoche e Mensah. Panchina per Procaccio e Gomez, ritornati pienamente in gruppo ma ovviamente non ancora pronti a giocare dall’inizio.

Sono i padroni di casa a partire meglio, con la Triestina che tiene comunque testa al Mantova, subentrandole con i minuti nel predominio della gestione del pallone. Le azioni della prima parte di gioco portano praticamente soltanto a conclusioni dalla distanza, con i due portieri che possono comunque scaldarsi i guantoni con qualche parata: prima Offredi sulla conclusione di Guccione al 17′, poi il virgiliano Tosi, che si fa trovare attento prima su Granoche – bloccando in due tempi – e poi sul rasoterra di Boultam al 31′. Qualche brivido per la Triestina al 27′, quando Lambrughi ferma Cheddira in modo sospetto, con il direttore di gara che lascia però correre. Il primo tempo si chiude così sullo 0-0, con le squadre che non si prendono particolari rischi.

Più veemente la partenza del Mantova nella ripresa: due corner nei primi 120″, con Offredi che esce a vuoto sulla seconda battuta e la sfera che finisce preda di Cheddira, il quale trova però l’opposizione di Ligi a negargli la rete. L’estremo difensore della Triestina si riscatta però pochi secondi dopo, allungandosi in tuffo per una gran parata su Guccione. Il duello si ripeterà all’11’, quando il capitano del Mantova va al tiro al volo dai diciotto metri e Offredi para in tuffo in due tempi. Nel frattempo, tra il 6′ e il 9′ la Triestina cerca la rete due volte, prima con Lodi, impreciso, e poi con Mensah, trovato in posizione defilata da Boultam ma murato dalla difesa. I ritmi ora si abbassano, anche in virtù dei cambi, che vedono peraltro il ritorno in campo dopo due mesi di Gomez. Proprio l’italoargentino, 4′ dopo il suo ingresso, lancia Mensah in velocità in contropiede, fermato solo dall’uscita alla disperata di Tosi. La gara si avvia ora verso la conclusione, ma c’è ancora qualche minuto per celebrare il rientro in campo di Procaccio all’82’, all’esordio in campionato dopo il lunghissimo infortunio. Poi, dopo 3′ di recupero, Cascone manda tutti a casa: Mantova – Triestina si chiude sullo 0-0.

Mantova – Triestina 0-0: il tabellino.

Mantova – Triestina: 0-0.
Mantova (4-3-3): Tosi R.; Bianchi, Milillo, Checchi, Zanandrea (82′ Panizzi); Lucas (82′ Mazza), Militari, Gerbaudo (76′ Saveljevs); Guccione, Ganz (90′ Zappa), Cheddira (82′ Rosso). A disposizione: Bertolotti, Silvestro, Zibert, Tosi F., Fontana, Cortesi. Allenatore: Troise.
Triestina (4-3-1-2): Offredi; Tartaglia, Ligi, Lambrughi, Filippini; Giorico, Lodi, Maracchi (69′ Calvano), Boultam (82′ Procaccio); Granoche (69′ Gomez), Mensah. A disposizione: Valentini, De Luca, Brivio, Rapisarda, Butti, Sarno, Petrella, Palmucci. Allenatore: Pillon.
Arbitro: Cascone (Nocera Inferiore). Assistenti: Dell’Olio (Molfetta), Pappagallo (Molfetta). Quarto uomo: Di Graci (Como).
Note: Giornata molto fredda, terreno di gioco in cattive condizioni. Ammoniti: Lambrughi, Ligi, Giorico (T) per gioco falloso. Recupero: 1′ e 3′.