16.4 C
Trieste
sabato, 1 Ottobre 2022

Nuova ordinanza, Fedriga: Interventi chirurgici per limitare situazioni di rischio

23.11.2020 – 13.58 – Con il rilevante aumento del numero dei contagi registratosi negli ultimi giorni, in particolare in modo diffuso nei piccoli centri dell’area friulana del territorio, sarà effettuata un’intensa attività di screening nelle aree maggiormente colpite; inoltre, con la nuova ordinanza che entrerà in vigore a partire dalla mezzanotte di oggi, saranno introdotte nuove misure restrittive su tutto il territorio regionale. Ad illustrarne i contenuti, il presidente Massimiliano Fedriga, con il vicepresidente Riccardo Riccardi ed i sindaci dei comuni di Claut, Castelnovo del Friuli, Paularo, Socchieve, Sutrio e Dolegna del Collio.

Si tratta, ha spiegato Fedriga in riferimento alle nuove misure restrittive, di “interventi chirurgici rispetto a situazioni che risultano ancora a rischio di aggregazione” andando quindi ad intervenire “in modo limitativo” rispetto a questi fattori di rischio. In particolare, viene previsto il divieto di consumo di alimenti e bevande in luogo pubblico, in modo tale che la consumazione per asporto non si verifichi al di fuori del locale, andando a creare situazioni di assembramento; la sospensione di tutte le attività sportive dilettantistiche in strutture all’aperto, fatti salvi gli eventi e le competizioni di interesse nazionale, come richiesto, è stato spiegato, dal Coni e dalle varie federazioni quali Figc, Fip; la raccomandazione di non recarsi in altre abitazioni di nucleo famigliare diverso dal proprio, di limitare l’utilizzo del trasporto pubblico locale solo ai casi di necessità e l’utilizzo dello smart working sia nel settore pubblico che privato; per vedere l’effettivo impatto dell’applicazione di queste misure rispetto alla diffusione del contagio dovranno passare almeno quindici giorni.

Per quanto riguarda invece l’attività di tracciamento nei comuni colpiti, al fine di tutelare l’intera popolazione, si è ritenuto più utile ed efficace mettere in atto un’intensa operazione di screening (volontario) che si avvierà ufficialmente a partire da mercoledì: un primo passaggio che vedrà successivamente l’estensione dell’attività anche ad altri comuni e aree. Un’operazione che permetterà di avere “risultati in tempi molto più rapidi per quanto riguarda il contenimento del contagio” rispetto a quelli che ne deriverebbero dalla creazione di zone rosse all’interno del territorio.
Le principali fonti di contagio rimangono quelle legate ai nuclei famigliari, al posto di lavoro e la scuola, ha evidenziato Riccardi, rimarcando come “il dato, dunque, sia soprattutto l’elemento di tracciamento del contatto” finalizzato alla costruzione della “maglia dell’isolamento” e all’individuazione di persone positive e asintomatiche.
E’ stato inoltre fatto sapere che nella giornata di venerdì è stata data disposizione per l’acquisizione di ulteriori 100mila test rapidi antigenici in arrivo tra oggi e domani.

E’ infine stato rivolto un appello alla responsabilità collettiva e al rispetto delle misure messe in campo per contenere la diffusione del contagio, tramite comportamenti corretti, al fine di tutelare la popolazione nel complesso ed alleggerire il carico sulle strutture sanitarie.

n.p

spot_img
Avatar
Nicole Petruccihttps://www.triesteallnews.it
Giornalista iscritta all'Ordine del Friuli Venezia Giulia. Direttrice responsabile

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore