8.3 C
Trieste
mercoledì, 7 Dicembre 2022

Depositi Costieri, l’asta per oltre 6 milioni si chiuderà il 7 novembre

04.11.2020 – 12.00 – Si avvia alla conclusione l’asta per il patrimonio di macchinari e cisterne, attrezzature e immobili della Depositi Costieri (ex Giuliana Bunkeraggi). Il 7 novembre scade il termine per la presentazione delle offerte telematiche. Dopo il fallimento del 2018, la Depositi Costieri era stata messa in vendita dal curatore della procedura, Piergiorgio Renier. Il valore complessivo ammonta a 6 milioni e 262 mila euro. Nel caso giungano più offerte si terrà un’ulteriore gara con cadenza il 30 novembre. Considerando i precedenti della Depositi Costieri si è preferito stipulare un protocollo di intesa tra Prefettura di Trieste, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale e organi del fallimento.

La Depositi Costieri esordì nel 1986, quando sostituì il porto petroli di San Sabba; operativa dal 1989, l’azienda venne gestita con una partecipazione paritetica al 50% tra Eni e Giuliana Bunkeraggi. Proprio quest’ultima, controllata dalla famiglia Napp, nel 2017 aveva ceduto la Depositi Costieri per soli 4,5 milioni a una società di imprenditori campani, chiamata “Life”, scopertasi infiltrata dalla mafia. Da questa (sfortunata) svolta la scoperta del mancato pagamento delle accise per 30 milioni di debito che in ultima analisi ne aveva causato il fallimento.

[z.s.]

spot_img
Zeno Saracino
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore