Partita double face contro Bozen, Pallamano Trieste rimonta ma perde 26-22

30.11.2020 – Brusco ritorno in campo per la Pallamano Trieste, che dopo un mese senza partite (l’ultimo incontro giocato risaliva allo scorso 24 ottobre, quando gli alabardati persero ad Appiano sulla Strada del Vino) torna in campo in quel di Bolzano, subendo però una perentoria sconfitta per 26-22 nel match, disputatosi sabato (28 novembre) e valido per la 13ª giornata del campionato di Serie A1 maschile.

Punti importanti per gli altoatesini, che si portano così a quota 17 punti in 9 gare giocate, a -3 dalla vetta (occupata da Conversano, che però ha giocato due partite in più rispetto a Bozen), mentre gli alabardati, dopo i 6 punti raccolti nelle prime 4 giornate, paiono aver subito una leggera involuzione, che li ha portati a perdere 4 delle ultime 6 partite (tra cui le ultime due consecutive). La classifica è comunque rassicurante, con la Pallamano Trieste che – nonostante qualche passo falso – staziona attualmente a metà graduatoria, con 10 punti raccolti in altrettante giornate e con meno gare giocate (e quindi più punti potenzialmente a disposizione) rispetto a tutte le inseguitrici.

Peccato per l’Alabarda: dopo un primo tempo opaco, in cui la squadra di casa sembrava riuscire a giocare incontrastata, gli ospiti hanno reagito nella seconda parte, accorciando lo svantaggio e riuscendo a raddrizzare un incontro che a metà partita pareva compromesso, riuscendo perfino a pareggiare (da uno svantaggio massimo di 6 punti); a quel punto, però, Bozen ha tirato fuori i colpi dei propri giocatori migliori, mentre la Pallamano Trieste ha pagato fisicamente lo sforzo fatto per rimontare dopo un mese senza pallamano; i padroni di casa hanno così ottenuto i 2 punti, lasciando l’amaro in bocca a Bratkovic e compagni.

La cronaca:

A trovare per primi il gol, sono proprio gli uomini di Oveglia, con il solito Bratkovic al quale risponde però Greganic. I giuliani sembrano intenzionati a farsi valere, ma il portiere di Bozen Hermones non ha alcuna voglia di lasciarsi superare e ferma le velleità ospiti; dopo i primi 10′ in cui a dominare è un sostanziale equilibrio, inizia la fuga dei padroni di casa, guidati in questa fase da Turkovic e facilitati anche dall’espulsione di Di Nardo, che permette a Bozen di spingersi sino all’11-6 del 23′. Nel finale di tempo, la Pallamano Trieste prova a reagire e, con Bratkovic e Hrovatin riduce il divario, chiudendo la prima metà di gara sull’11-8.

A inizio ripresa parte decisamente meglio Bozen che, al minuto 35 tocca il massimo vantaggio: i padroni di casa conducono infatti 16-10 e la Pallamano Trieste pare stordita dalla veemente partenza avversaria. È proprio adesso, però, che arriva la reazione ospite: la doppia inferiorità numerica di Bozen, e prima un rigore di Dapiran, galvanizzano i ragazzi di Oveglia, che danno così inizio a una bella rimonta, guidata in avanti dalle reti di Hrovatin e protetta dietro dalle parate di Zoppetti. Al 52′ la rete d Dapiran sancisce il pari (21-21); sembrerebbe un ottimo momento per gli ospiti, che però, dopo il pari, si spengono: Bozen realizza un break di 4-0 e si riporta avanti nel momento decisivo, mentre la Pallamano Trieste non riesce più a reagire. Vittoria dunque per i padroni di casa, con il risultato finale di 26-22.

Il tabellino:

Bozen – Pallamano Trieste: 26-22 (11-8).
Bozen: Greganic 3, Hermones, Kammerer, Marino 4, Piha, Pircher, Rossignoli, Rottensteiner, Sonnerer 2, Sporcic 3, Turkovic 6, Udovicic 4, Venturi 3, Walcher 1. Allenatore: Dalvai.
Pallamano Trieste: Bratkovic 4, Dapiran 7, Di Nardo 1, Hrovatin 6, Jerman, Kuodys 1, Mazzarol 1, Milovanovic, Pernic, Popovic 1, Stojanovic, Urbaz, Visintin 1, Zoppetti. Allenatore: Oveglia.