Dopo 82 anni il Burlo si allarga con l’acquisizione di tre edifici

21.11.2020 – 16.28 – Dopo 82 anni il Burlo si allarga, con l’acquisizione di tre edifici contigui per complessivi 3.500 metri quadri, grazie ai fondi, pari a 7,2 milioni di euro, della Regione. La notizia, data dal vicepresidente con della alla Sanità Riccardo Riccardi è stata accolta con “grande soddisfazione” dall’Irccs Materno Infantile “Burlo Garofolo”; una scelta che permetterà all’ospedale infantile triestino di “poter finalmente dare soluzione alla cronica mancanza di spazi all’interno dell’attuale sede costruita nel 1938”.
“Dal primo giorno di insediamento abbiamo ritenuto assolutamente prioritario l’obiettivo di risolvere le criticità logistiche interne dell’Istituto che, se non superate, rischiano di provocare pesanti ricadute in termini organizzativi, funzionali e di sviluppo” ha spiegato il direttore generale del Burlo, Stefano Dorbolò, dichiarandosi entusiasta della possibilità di allargare gli spazi a disposizione dell’istituto, dove la necessità di nuovi spazi per il Burlo era diventato via via più evidente con il passare degli anni. Fondato nel 1856 e riconosciuto nel 1968 come Irccs, esso è ospitato negli attuali locali fin dal 1938 e, da quella data, le strutture e i confini dell’Istituto non sono cambiati con tutte le conseguenti difficoltà degli spazi di adeguarsi alle crescenti esigenze medico-scientifiche. Negli ultimi 14 anni, inoltre, il finanziamento assegnato annualmente all’Istituto è stato solo sufficiente a garantire gli interventi di ordinaria manutenzione, ma l’impossibilità di ampliare gli spazi stava via via facendo allontanare il Burlo dagli standard di accreditamento e di sicurezza degli ambienti di lavoro, nonché di un adeguata fruizione degli spazi da parte dell’utenza, con il rischio conseguente di perdere l’accreditamento nazionale come Irccs. Una situazione già di per sé precaria che ha ancor più evidenziato tutti i suoi limiti con l’esplodere del contagio da Sars CoV-2 che ha fatto crescere la necessità di spazi per garantire una gestione sicura degli accessi in ospedale e della fase clinico assistenziale.

Nello specifico, i nuovi spazi, acquisiti dall’Opera San Giuseppe permetteranno la realizzazione di diversi ambulatori, con i relativi servizi, destinati alla riabilitazione, all’Odontostomatologia, all’Oculistica, all’Otorinolaringoiatria e Audiologia e al supporto psicologico. Attività che sono state individuate tra quelle che hanno una funzione prevalentemente dedicata all’utenza esterna, così da evitare la duplicazione dei locali e delle attrezzature necessari all’esecuzione delle stesse attività nei pazienti degenti. Inoltre, ai locali dedicati all’attività sanitaria, saranno affiancate aree dedicate all’accoglienza e all’attesa, ludoteche e servizi igienici, realizzati in un contesto a misura di bambino. Nei nuovi locali, poi, saranno trasferiti gli uffici amministrativi e tecnici e saranno realizzati appartamenti a uso foresteria e nuovi parcheggi.
Il trasferimento di molte attività nei nuovi locali permetterà, inoltre, il completamento in tranquillità di una serie di lavori nella sede attuale, anch’essi finanziati dalla Regione. Si tratta del nuovo Pronto Soccorso, del nuovo punto di accesso per l’emergenza ostetrico-ginecologico, dell’ampliamento degli ambulatori che restano in sede, della realizzazione della nuova mensa e dell’adeguamento degli spogliatoi e, infine, di nuovi spazi dedicati ai ricercatori. La realizzazione di tutte le opere di riconversione nell’area di S. Giuseppe è prevista entro la fine del prossimo anno.