Università, La triestina Francesca Randone vince il Premio Bellisario

19.10.2020 – 19.13 – Il biologico si fonde con l’artificiale, l’umano con la macchina nella tesi triestina vincitrice del prestigioso “Premio Marisa Bellisario“, noto anche come l'”Oscar delle Donne“.
La dott.ssa Francesca Randone, laureata magistrale in Matematica, ha vinto grazie alla sua tesi di laurea che ha mescolato matematica&intelligenza artificiale, applicando i propri ragionamenti ai sistemi complessi, in particolare a quelli biologici. Il titolo della tesi infatti recita: “Approximation Methods for Chemical Reaction Networks: the Finite State Expansion“. La tesi è stata elaborata e discussa con relatore il prof. Luca Bortolussi, docente di Informatica del Dipartimento di Matematica e Geoscienze dell’Università di Trieste.

La Mela d’Oro 2020 è stata assegnata quest’anno a tre neolaureate con il massimo dei voti. Oltre quaranta sono stati gli Atenei italiani coinvolti in questa competizione e tre grandi Aziende – Leonardo Company, Acea e Terna – sono state impegnate in un rigoroso processo di selezione che ha portato alla proclamazione delle tre vincitrici: Francesca Randone, Annalisa Bovone e Francesca Porcu.

Per chi volesse approfondire si rimanda al link del Premio:
Premio Bellisario: assegnate le mele d’oro della 32esima edizione

[i.v.]