Triestina, secondo successo consecutivo, battuto il Modena 1-0

08.10.2020 – 11:15 – La Triestina vince di nuovo, stavolta in casa. Secondo successo consecutivo per gli uomini di Gautieri, che al “Nereo Rocco” battono il Modena per 1-0 e danno seguito alla vittoria di domenica a Cesena, quando erano stati i bianconeri a venire sconfitti dall’Unione. Ancora a segno Guido Gomez, al secondo centro consecutivo: le sue reti evidentemente portano bene alla banda Gautieri, che grazie alla rete del suo attaccante porta a casa la seconda vittoria nelle prime tre giornate, interrompendo la striscia positiva del Modena (che dopo le prime due gare del campionato era a punteggio pieno). Testa subito proiettata al futuro, che vedrà la Triestina impegnata a Legnago per la quarta giornata di campionato, con il fischio d’inizio programmato per le ore 15:00 di Domenica 11 Ottobre.

Per la Triestina solito modulo: 4-3-3 in cui cambiano però alcuni interpreti rispetto alla trasferta di Cesena: rientra dal 1’ Rapisarda, con Tartaglia che torna al centro della difesa al posto di capitan Lambrughi infortunato, con Ligi ad affiancarlo. Anche a centrocampo un cambio: Giorico torna infatti nella consueta posizione da mezzala, dopo la buona prestazione di domenica nella zolla che di solito è di Lodi, che torna in regia; a partire dalla panchina è invece Maracchi. Confermato integralmente il tridente d’attacco, con Gomez punta centrale affiancato da Sarno e Petrella ai lati. Tutti convocati, ma tutti in panchina, gli ultimi arrivati della sessione estiva di mercato: Filippini, Calvano e Litteri. Mignani dispone invece i suoi secondo il proprio consueto 4-3-1-2. Tra i pali non c’è Gagno, sostituito tra i pali dall’esperto Narciso. Rispetto alla prestazione vincente di Pesaro, non è l’unico cambio: in difesa trovano spazio infatti Milesi e Varutti, in luogo dei panchinati Mignanelli e Ingegneri. A centrocampo l’out di sinistra è occupato da Muroni, con Davi che parte dalla panchina, mentre in attacco il talentuoso trequartista Tulissi è confermato alle spalle dell’ex di turno Rocco Costantino e di Spagnoli.

L’avvio è molto equilibrato: i padroni di casa cercano di pungere lateralmente, mentre il Modena punta soprattutto sulle verticalizzazioni verso i propri attaccanti. Sono quindi gli ospiti a farsi vedere per primi nella zona della porta avversaria, prima con Spagnoli, che da posizione defilata trova l’esterno della rete, poi con Costantino, trovato da un cross tagliato di Tulissi, che però di testa manda la palla a lato. Risponde la Triestina, che trova la prima occasione da calcio piazzato al 16’: sulla punizione di Lodi dalla sinistra, Ligi manca la porta di poco. Ora gli alabardati prendono fiducia e trovano varchi, soprattutto sull’out di destra, dove Sarno combina facilmente con i compagni di lato Rapisarda e Rizzo, che duettando con l’ala campana arrivano facilmente al tiro o al cross, trovando però preparato Narciso, che comunque non sempre è perfetto nel contenere le conclusioni avversarie: al 29’, sulla conclusione di Rizzo, la sua respinta viene colta e corretta in rete da Gomez, che però si trova in fuorigioco.

Nel finale ci prova il Modena, che si affida ai pericolosi cross di Tulissi e al tiro da fuori con Castiglia, ma senza avere successo. Si va così al riposo sullo 0-0, con la trama della partita che pare abbastanza chiara: la Triestina cerca il gol attraverso azioni manovrate che mandino fuori giri la difesa avversaria, il Modena conta invece soprattutto sulle fiammate dei suoi singoli più talentuosi: entrambe le squadre impegnano i due portieri, che però si disimpegnano bene, anche con la collaborazione dei propri reparti arretrati.
Nessun cambio al rientro dagli spogliatoi, con la ripresa che sembra avviarsi secondo il medesimo copione della prima frazione, ma con l’Unione che rispetto alla prima parte pare cercare la via della rete con maggior veemenza e puntando soprattutto sulla corsia mancina, invece che sulla destra: arriva così la prima occasione della gara per Gomez, che corregge un cross morbido prodotto a sinistra dalla premiata ditta Brivio – Giorico. Proprio da sinistra nasce anche il gol del vantaggio, che arriva al 56’: stavolta però la genesi del cross è una incursione personale di Petrella, che dopo la corsa scarica all’indietro verso Gomez, il cui destro secco dal limite non lascia scampo a Narciso e porta avanti gli alabardati. L’1-0 porta Mignani a operare dei cambi, inserendo gli uomini migliori dalla panchina: prima Davi e Scappini (che entra al posto di Costantino), poi Monachello, infine il talentuoso attaccante Sodinha, per cercare di dare più ariosità e imprevedibilità offensiva al Modena, mentre l’Unione punta ora a controllare la partita. E ci riesce bene: tolti i due uomini più creativi (Petrella, rilevato da Granoche, e Sarno, sostituito da Maracchi) e con uno schieramento che ora assomiglia di più a una sorta di 4-3-1-2, la Triestina non concede particolari spazi agli avversari, che hanno ora un baricentro più alto, ma che non trovano valide soluzioni che non siano il lancio lungo in avanti. Nel finale debutta l’ex Verona Calvano, che Gautieri inserisce al 90’ per Lodi, e il punteggio rimane sull’1-0.

La Triestina porta a casa la seconda vittoria consecutiva in campionato e lo fa con una prestazione matura, mostrando in campo i principi di gioco del suo allenatore fino al vantaggio e gestendo poi le forze (fondamentale in una stagione in cui si giocherà ogni tre giorni anche in Serie C) nella mezz’ora finale, annichilendo un Modena comunque propositivo, ma che nella ripresa non ha saputo creare particolari problemi alla retroguardia avversaria nonostante la qualità di diversi suoi uomini.

Il tabellino:

Triestina (4-3-3): Offredi; Rapisarda, Tartaglia, Ligi, Brivio; Rizzo, Lodi (90′ Calvano), Giorico; Sarno (77′ Maracchi), Gomez, Petrella (72′ Granoche). A disposizione: Valentini, Rossi, Mensah, Filippini, Struna, Palmucci, Litteri. Allenatore: Gautieri.
Modena. (4-3-1-2): Narciso; Bearzotti, Milesi, Pergreffi, Varutti; Gerli (60′ Davì), Castiglia (72′ Prezioso), Muroni; Tulissi (72′ Sodinha), Costantino (60′ Scappini), Spagnoli (69′ Monachello). A disposizione: Chiossi, Mignanelli, Ingegneri, Laurenti, Zaro, Abiuso. Allenatore: Mignani.
Arbitro: Miele (Nola). Assistenti: Massimino (Cuneo), Gualtieri (Asti). IV Uomo: Bordin (Bassano del/Grappa).
Note: Pomeriggio variabile e ventilato, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti: Giorico, Rizzo (T) per gioco falloso, Sodinha (M) per comportamento non regolamentare. Recupero: 0′ e 4′.