Benessere & Sicurezza, Trieste Marine Terminal investe sui lavoratori

29.09.2020 – 11.26 – Trieste Marine Terminal ha appena inaugurato la nuova area da circa 1.000 mq per il benessere e sicurezza del personale, che comprende nuovi spogliatoi, aree comuni, area break e che si aggiunge al recente parcheggio da 2.700 mq. Si tratta di un investimento particolare sul Porto di Trieste da parte della società (controllata da T.O. Delta S.p.A. ed MSC) perché non mira ad aumentare la capacità di carico o di movimentazione dello scalo, ma semplicemente a migliorare il benessere dei lavoratori portuali. Un intervento che si colloca nel più ampio progetto di rinnovamento e implementazione delle infrastrutture del Porto di Trieste e di rafforzamento del piano di welfare aziendale del Gruppo, che dal 2018 ad oggi ha investito oltre 16 milioni di euro nell’area.

La nuova area comprende i moderni spogliatoi, realizzati ad uso esclusivo del personale operativo di Trieste Marine Terminal e dell’Agenzia del Lavoro Portuale di Trieste, suddivisi su tre piani per un totale di 940mq. Al piano terra, è stata allestita una nuova infermeria, progettata per gestire sia situazioni di routine sia di tipo emergenziale.

Trieste Marine Terminal ha inoltre messo a punto un rigoroso piano di utilizzo dell’area, che garantisca una corretta alternanza tra le squadre di lavoro e consenta la riduzione degli assembramenti. Tutta la struttura è stata progettata per offrire una capienza di 80 postazioni per piano, con altrettanti armadietti contigui.

Un secondo investimento di rilievo operato da Trieste Marine Terminal riguarda l’area Fast Park, pensata per migliorare la facilità di accesso al lavoro per tutto il personale del porto. L’edificio che ospita il parcheggio offre 2.700 mq di spazio divisi fra piano terra e primo piano, per un totale di 189 posti auto.

Sotto un profilo maggiormente tecnico, la società ha implementato il proprio parco mezzi con 11 nuovi Reach Stacker (veicoli utilizzati per la movimentazione di container) dalla maggiore capacità operativa, per un investimento pari a oltre 4 milioni di Euro, ha sostituito la quasi totalità dei trattori portuali con nuovi trattori a ridotto impatto ambientale e si è dotata di 4 nuovi spreader (attrezzature per il sollevamento di container) dagli avanzati sistemi di sicurezza.

Antonio Maneschi, presidente di T.O. Delta Group ha commentato che “La nuova area per i servizi al personale e la realizzazione dell’area di fast park fanno parte di un più ampio piano di investimenti a beneficio del terminal e di tutto il porto di Trieste, previsto da Trieste Marine Terminal S.p.A. che, nonostante il riscontro di un fisiologico e prevedibile trend di calo dei volumi, non ha mai pensato di rinunciare ad investire per far crescere l’area. Relativamente all’andamento dei volumi iniziamo a registrare una lieve contrazione: nel mese di agosto abbiamo registrato una riduzione dei volumi di circa il 12% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, mentre per il mese di settembre ci attendiamo che il calo possa superare il 20% rispetto al settembre 2019”.