Bike sharing: inaugurate due nuove ciclostazioni in Porto Vecchio

24.09.2020 – 12.50 – E’ con la presentazione di due nuove stazioni di bike sharing BiTS nell’area di Porto Vecchio che si chiude la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile. “In un momento di cambiamenti nella mobilità cittadina e ancora più in questo periodo di post Covid” ha esordito l’assessore comunale all’Ambiente e Mobilità Luisa Polli “è con grande soddisfazione che inauguriamo le due nuove ciclostazioni del bike sharing nell’area di Porto Vecchio recentemente riqualificata. L’obiettivo di questa Giunta è di incentivare al massimo l’utilizzo del bike sharing da parte dei cittadini, ma anche dei turisti, avvicinandoli così ad una mobilità sostenibile e condivisa“.
Due nuove stazioni che ben si addicono al recente intervento di riqualificazione urbana dell’area del Porto Vecchio, reso possibile anche grazie al progetto europeo Civitas Portis, finanziato dal programma europeo Horizon 2020, attraverso il quale Trieste intende avvicinare ulteriormente la cittadinanza a nuove soluzioni di mobilità dolce, quali il bike sharing, integrando così in chiave sostenibile l’area del Porto Vecchio con il centro urbano triestino. “Con l’arrivo della Barcolana” ha spiegato Polli “dotiamo la città e in particolare la zona del Porto Vecchio di due nuove stazioni cercando di favorire e promuovere sempre più la mobilità urbana sostenibile. In questo senso l’Amministrazione comunale è da sempre impegnata a reperire fondi nazionali ed europei, con l’auspico che, anche le realtà economiche interessate, offrano il loro apporto o la loro sponsorizzazione per aprire ulteriori ciclostazioni in prossimità delle loro sedi e attività”.

Le due nuove stazioni hanno una capienza di 10 ciclostalli ciascuna e si trovano all’interno dell’area di Porto Vecchio, rispettivamente in corrispondenza del Polo Museale (di fronte al Magazzino 28) e dell’accesso nord al Porto Vecchio in prossimità della rotatoria stradale su viale Miramare. Si tratta del primo ampliamento che porta a dodici stazioni un servizio che ha riscontrato da subito grande interesse da parte della cittadinanza, i cui dati di utilizzo vedono il bike sharing del Capoluogo tra i più utilizzati in Italia.
“Siamo lieti che i cittadini abbiano accolto con entusiasmo il servizio BiTS” ha fatto sapere in una nota Gianluca Pin, direttore commerciale BicinCittà “e che si stia consolidando l’abitudine dei triestini a usare il bike sharing per gli spostamenti brevi in città, un servizio comodo, non inquinante e che garantisce il necessario distanziamento sociale imposto dalla pandemia”.