10 cose da sapere (che forse non conosci) sul ciclo mestruale

17.09.2020 – 11.10 – Nonostante sia parte integrante della vita della donna, parlare di ciclo mestruale, o mestruazioni, è spesso considerato ancora oggi un tabù.
Uno stigma che andrebbe estirpato per poter raggiungere un certo grado di disinvoltura nel parlare di questo argomento.
La mestruazione, per essere precisi, è la perdita di sangue dalla cavità uterina in seguito allo sfaldamento dello strato superficiale dell’endometrio.
Un processo usuale nelle donne fertili che pone le basi del cosiddetto ciclo mestruale.
Di seguito 10 cose da sapere sulle mestruazioni che forse non conoscevi e che amplieranno il tuo bagaglio conoscitivo sull’argomento:

  1. Il termine “mestruazione” deriva dal latino ‘medico’ menstruatio, ovvero mensilità, sostantivo derivato dall’avverbio di tempo menstrum, una volta al mese.
    Viene dunque usato il plurale, mestruazioni, poiché indica una data ciclicamente ricorrente.
  2. In media, facendo una somma, una donna trascorre 7 anni della propria vita con il ciclo mestruale.
  3. Il primo ciclo mestruale è chiamato menarca: deriva dal greco ed è composto dai vocaboli mén, ménos, ovvero mese, e arché, che sta a significare l’inizio.
    Questo sostantivo ricorda inoltre il nome della dea Mena, protettrice del ciclo fisiologico e della fertilità.
  4. Si utilizza la parola ‘ciclo’ per intendere i giorni di sanguinamento, in media 5 giorni ogni 29. Ma in realtà il ciclo rappresenterebbe il processo che parte dal primo giorno di mestruazione e termina con l’ultimo giorno che precede la mestruazione successiva.
  5. Il ciclo medio è di 28/29 giorni e ha 4 fasi: mestruazioni, fase follicolare, ovulazione e fase lutea.
  6. Un’altra caratteristica del ciclo è la sua fase premestruale, ovvero quell’insieme di sintomi caratterizzati da disturbi dell’umore, ritenzione idrica, cefalea e dolori addominali che si verificano durante i 7-10 giorni precedenti le mestruazioni e, di solito, terminano alcune ore dopo l’inizio delle mestruazioni.
  7. Parlando invece di pillola, o altri contraccettivi, è bene sapere che la mestruazione che avviene in fase di assunzione di contraccettivi ormonali non è del tutto simile alla mestruazione fisiologica.
    Il sanguinamento che si presenta è in realtà una falsa mestruazione.
    La pillola anticoncezionale infatti mette a riposo le ovaie e, con l’ausilio degli ormoni estrogeni e ai progestinici del farmaco, la mucosa uterina continua a crescere e, alla sospensione mensile del contraccettivo orale, si sfalda.
  8. Si possono avere rapporti sessuali durante le mestruazioni.
    Ma è bene ricordare che, seppur meno probabile, non è esclusa la possibilità di gravidanza perché a volte l’ovulazione potrebbe anticipare, quindi bisogna sempre usare un contraccettivo
  9. L’alimentazione influisce sul ciclo mestruale: il metabolismo femminile può essere favorito da una corretta alimentazione per ridurre i disagi fisici durante il ciclo.
    Per fare un esempio, durante la quarta settimana è utile aumentare l’assunzione di magnesio per ridurre i dolori mestruali.
    Inoltre un’assunzione regolare di vitamina B6 (contenuta in riso, avocado, peperoni, ecc.) per tutto il ciclo può contribuire a ridurre il gonfiore.
  10. Nella seconda settimana di ciclo si ha un incremento di estrogeni e seratonina. Finiti i giorni di mestruazione infatti, le ovaie iniziano a produrre estrogeni e l’organismo si prepara all’ovulazione. Questo fa crescere i livelli di serotonina del cervello, portando ad un aumento di energia, entusiasmo e una sensazione generale di allegria e ottimismo.