11 C
Trieste
martedì, 6 Dicembre 2022

“Licenziare Francesco Clun: è il Leitmotiv del PD”. E CasaPound risponde

06.08.2020 – 09.26 – “Il responsabile di CasaPound Trieste, Francesco Clun, va licenziato. Questo è il leitmotiv del Partito Democratico”. E CasaPound non ci sta. Inizia così il comunicato del partito inviato alla stampa dopo il blitz del 4 agosto in Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia e le reazioni delle forze politiche. “È solo uno dei dei numerosi attacchi a livello personale diretti verso il responsabile della sezione provinciale, Francesco Clun. È emblematico come”, prosegue la nota del movimento, “la sinistra attacchi un impiegato chiedendo la sua testa in ambito lavorativo, additandolo addirittura di essere un eversore. Si tratta di quello stesso ambito che, una volta, la sinistra tutelava e su cui basava la propria azione politica. Ad ogni modo, questo non fa altro che rafforzare l’idea che, non riuscendo ad entrare nel merito della nostra protesta pacifica avvenuta ieri in Regione, l’unica strada percorribile sia quella degli attacchi personali e del fango”.

“Precisiamo ancora una volta”, sottolinea la nota, “come l’intervento sia stato del tutto pacifico. Non c’è stata alcuna intimidazione o atto di violenza verso qualsiasi persona lì presente destituendo, quindi, di qualsiasi fondamento chi afferma il contrario. Si tratta unicamente di attacchi vergognosi diretti verso un lavoratore che, nel proprio tempo libero e al di fuori dell’ambito lavorativo, ha espresso il proprio pensiero in maniera forte ma pacifica. Ma è chiaro a tutti, anche a chi sventola la Costituzione a giorni alterni, che non è concepibile epurare una persona unicamente per aver manifestato liberamente il proprio pensiero. L’unico attacco alla democrazia esistente è quello di chi oggi chiede il licenziamento di un lavoratore anziché entrare nel merito dei contenuti di una protesta”.

[c.s.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore