Lavoratori della sanità nell’emergenza: in arrivo i “Premi Covid”

07.08.2020 – 08.00 – Sono in arrivo i cosiddetti “premi Covid“; si tratta del riconoscimento economico per circa 4000 lavoratori della sanità, fra medici, infermieri ed operatori sanitari – pari al 25 per cento del servizio sanitario regionale – che hanno lavorato durante l’emergenza Covid-19. L’accordo è stato siglato nella giornata di ieri a Palmanova, dopo la trattativa tra la Regione ed i sindacati attraverso due tavoli: uno per il comparto, ovvero per il personale non dirigente, come infermieri, operatori sociosanitari e tecnici di laboratorio, e l’altro per i dirigenti medici. Il bonus, lordo e una tantum, spetterà agli operatori che hanno lavorato all’interno delle aree Covid, nel periodo compreso tra marzo e maggio: nello specifico il premio si traduce in 1.500 euro per il personale che ha prestato la propria attività per 25 o più giorni nei mesi di marzo, aprile e maggio scorsi che scendono a 1.250 euro fra i 20 e i 24 giorni, a 1.000 euro tra 15 e 19 giorni, a 750 euro tra 10 e 14 giorni fino a 500 euro tra 5 e 9 giorni. Per i medici il premio viene stabilito su tre fasce (alta 1.500 euro, media 1.100 e bassa 700 euro).
I fondi per i premi provengono sia dalla Regione che da quelli messi a disposizione dallo Stato attraverso i decreti Cura Italia e Rilancio. Soddisfazione per la firma è stata espressa dal vicepresidente Riccardo Riccardi ed i sindacati confederali Cgil Cisl e Uil, i quali si sono detti sufficientemente soddisfatti per il passo avanti.