ESOF 2020, L’arte tessile si scopre “scientifica” con Picknitartcafè

17.08.2020 – 09.47 – La magia dei colori, il fascino della matematica che prende forma, il potere trasformativo della creatività per rivitalizzare un patrimonio storico culturale simbolo della città.
Con un filo – tra arte e geometria”, emozionale progetto didattico di arte tessile, è tutto ciò e anche di più.
Inserita fra gli appuntamenti del Science in the City Festival di ESOF 2020, l’iniziativa prenderà forma al Mercato coperto di Trieste dal 20 agosto al 7 settembre 2020 attraverso l’installazione di un’opera collettiva realizzata grazie all’impiego di semplici tecniche tessili, alla portata di tutti, che permetterà di giocare con successioni matematiche e far comprendere e sperimentare tattilmente concetti geometrici astratti.
Alla regia del progetto c’è l’associazione triestina culturale Picknitartcafè, nata per promuovere in tutte le sue forme l’attività tessile intesa come espressione di arte e di cultura, e già nota in città per svariate iniziative, fra cui l’allestimento della colossale coperta ad uncinetto che ha interamente ricoperto piazza Unità nel 2015, candidandosi al Guinness dei primati come la più grande mai realizzata al mondo.

Ispirandosi al lavoro della matematica professoressa Daina Taimina (Crocheting Adventures with Hyperbolic Planes) della Cornell University, l’opera collettiva – ideata questa volta per celebrare Trieste come città della Scienza – mescolerà didattica tessile a nozioni matematico geometriche, puntando a coinvolgere giocosamente il pubblico, come già accaduto durante il Sissa Student Day dello scorso 13 febbraio, nel corso di uno dei Seminari di Matematica Tattile proposto agli studenti per testare e perfezionare il progetto.
L’installazione sarà creata con l’assemblaggio di forme complesse – come pseudo sfere, curve iperboliche, superfici elicoidali – sovradimensionate e riprodotte con colori sgargianti, per amplificarne impatto estetico ed emotivo.
L’installazione sarà completata da una mostra fotografica nello stesso luogo.

In concomitanza con gli orari di esposizione, le associate saranno a disposizione dei visitatori per incontri e laboratori a tema rivolti a studenti, artisti, appassionati di arte, arte tessile, manualità creativa, fotografia e, in generale, a chiunque sia disposto ad avvicinarsi in modo curioso, ludico e partecipativo alla proposta.
Attraverso il solo utilizzo di un filo, chi si cimenterà con le creazioni iperboliche sarà predisposto in modo spontaneo alla produzione di forme simili a quelle presenti in natura, quali alghe, coralli, fiori o elementi vegetali. Da un lato, il pubblico generico potrà così esercitarsi in modo divertente approcciandosi a concetti geometrici astratti e solo apparentemente lontani; dall’altro, chi teoricamente si occupa di scienza e matematica, potrà invece sperimentare un impatto emozionale nell’esperienza della manipolazione tridimensionale e creativa delle forme.

La collocazione dell’opera lungo la scala elicoidale del Mercato Coperto di Trieste vuole essere, inoltre, un omaggio alle donne, in particolare a Sara Davis che con grande generosità donò l’edificio alle “venderigole triestine”, ma anche all’architetto Camillo Iona, che progettò la struttura con ingegno, unendo in perfetto equilibrio decoro, innovazione e funzionalità.

L’iniziativa, infine, ha anche uno scopo benefico: il ricavato della vendita dei manufatti, acquistabili a offerta libera, andrà a sostegno dell’AIAS Associazione Italiana Assistenza Spastici di Trieste.

Inaugurazione : Giovedì 20 agosto ore 11.00
Orari apertura Mercato:
dal martedì al sabato: 8.00 -17.00
lunedì: 8.00- 14.00
domenica chiuso
Orari laboratori su prenotazione: dal lunedì al sabato: 10.00- 12.00