27.4 C
Trieste
sabato, 25 Giugno 2022

Tragedia Gorizia, Ziberna: “Il coperchio del pozzo era stato controllato”

23.07.2020 – 08.23 – Il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, ha espresso tutto il suo cordoglio per la tragica morte di un bambino di 12 anni, caduto in un pozzo profondo 30 metri del Parco Coronini, la cui copertura, costituita da una grata, è ceduta per ragioni ancora sconosciute.
Il pozzo, secondo l’Ansa, aveva una copertura che era stata fissata in maniera stabile ed era stata per altro anche oggetto di controlli.
“Nessuno riesce a darsi una spiegazione – ha spiegato Ziberna su cui pesa anche la responsabilità di essere Presidente della Fondazione Coronini – erano state fatte tutte le verifiche rispetto alle misura di sicurezza adottate. Il coperchio del pozzo era ancorato con quattro giunti su ognuno dei lati. Da quanto mi hanno riferito, gli animatori del Centro estivo avevano posizionato sopra la mappa della caccia al tesoro, usandolo come appoggio”.

La famiglia colpita dalla tragedia era nota a Gorizia per la militanza nell’associazionismo, specie sportivo, con ruoli nella federazione di Softball e nel Coni provinciale.
Ziberna, dal suo canto, si è mosso per fornire supporto psicologico (e un po’ di conforto) agli amici del bambino morto e dello stesso animatore estivo che li coordinava: “Ho già parlato con le parrocchie per fornire eventuale supporto psicologico per il tramite delle strutture comunali: non sappiamo se gli amici abbiano materialmente assistito alla scena, ma sapere che il loro coetaneo è morto facendo un gioco è un dramma che sarà impossibile interiorizzare e quindi è importante che i professionisti stiano vicini a loro e alle loro famiglie. Così come all’animatore che li accompagnava“.

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore