11.4 C
Trieste
lunedì, 5 Dicembre 2022

Musei Comunali di Trieste, ingresso gratuito fino al 31 dicembre

29.07.2020 – 16.20 – Nella seduta di lunedì 27 luglio, nell’ottica di dare un forte segnale di ripresa dell’attività culturale e di sostenere il rilancio turistico della città, la Giunta Comunale ha deliberato di prorogare fino a domenica 31 dicembre l’accesso gratuito a tutti i Musei Comunali.
La riapertura dei Musei – dall’8 giugno Revoltella e Orto Botanico, dal 25 giugno la quasi totalità degli altri Musei – è stata accolta con grande favore, facendo registrare importanti afflussi di visitatori, nel rispetto della normativa vigente in materia del contenimento del contagio da Covid-19.
A titolo esemplificativo, in un mese di apertura, quasi 10.000 sono stati i visitatori del Castello di San Giusto, circa 2.500 quelli del Museo Revoltella e oltre 4.000 quelli della Risiera di San Sabba.
Nel rispetto della normativa vigente in materia del contenimento del contagio da Covid 19, nei giorni scorsi sono state inoltre disposte: la riapertura del servizio di prestito e consultazione presso le biblioteche dei Musei, la riapertura delle sale conferenze; le modalità di accesso ai Musei di gruppi con possibilità di visite guidate.

Per il servizio di prestito e consultazione è previsto l’accesso alla struttura su prenotazione. Gli utenti devono essere dotati di mascherina o comunque con una protezione a copertura di naso e bocca, devono disinfettarsi le mani con il gel messo a disposizione e/o lavarsi spesso le mani in caso di consultazione di documenti.
Per la consultazione vengono messe a disposizione degli utenti delle postazioni applicando le regole di distanziamento previste dal vigente Protocollo. I documenti prestati saranno posti in quarantena dentro contenitori per 72 ore in un ambiente chiuso dedicato, che dovrà essere periodicamente arieggiato.

L’utilizzo delle Sale conferenze all’interno dei Musei è consentito nel rispetto di quanto previsto dal “Protocollo per la progressiva ripresa delle attività lavorative in presenza – Fase 2 Covid 19” e dell’ordinanza contingibile e urgente n.20 del Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. In particolare, in tema di distanziamento, vanno assicurati uno spazio libero tra sedute fisse e identificate e il distanziamento interpersonale di almeno un metro in tutti gli altri casi, salvo i gruppi conviventi. Rimane a carico del soggetto fruitore della sala l’intervento di sanificazione al termine di ciascun utilizzo.

Ferme restando tutte le indicazioni previste dal “Protocollo per la progressiva ripresa delle attività lavorative in presenza – Fase 2 Covid 19” al fine di prevenire la diffusione del virus, l’accesso di gruppi alle strutture museali è consentito previa prenotazione. Il responsabile del gruppo dovrà garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro tra componenti, salvo i gruppi conviventi. In considerazione dell’organizzazione degli spazi delle singole strutture museali, la composizione di ciascun gruppo è consentita nel numero massimo di 15 persone per il Museo Revoltella, il Museo d’Antichità Winckelmann, il Museo di guerra per la pace “Diego de Henriquez”, la Risiera di San Sabba-Monumento Nazionale, il Castello di San Giusto – Armeria e Lapidario Tergestino al Bastione Lalio, l’Orto botanico; nel numero massimo di 10 persone per il Museo Teatrale “Carlo Schmidl”, il Museo Sartorio, il Museo d’Arte Orientale, il Museo del Risorgimento e Sacrario Oberdan, il Centro di Documentazione della Foiba di Basovizza, il Museo di Storia Naturale; nel numero massimo di 5 persone per il Museo Svevo, il Museo Joyce, il Museo Petrarchesco-Piccolomineo.

In questa fase: non sono utilizzabili dagli utenti/visitatori e studiosi le aree dedicate ai laboratori, non sono aperti i bookshop e servizi di ristoro, non sono in distribuzione né a disposizione le audioguide, non sono a disposizione i dispositivi interattivi e touch-screen.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore