Assestamento, Friuli Venezia Giulia conferma 9 mil per lavoro e scuola

28.07.2020 – 17.51 – Il Friuli Venezia Giulia, grazie ai fondi forniti dal governo, cerca di “tamponare” le chiusure e i danni che si verificheranno con la crisi economica in corso, che si andrà aggravando nel prossimo autunno 2020. L’assessore regionale alle finanze Barbara Zilli ha confermato una serie di emendamenti a margine dell’esame della legge di assestamento di bilancio del Friuli Venezia Giulia, volti a sostenere settori “fragili” quali cultura e sport.
Viene dunque confermato innanzitutto l’investimento di 9 milioni di euro per il lavoro e l’istruzione, dei quali 2 milioni rivolti a una nuova misura voluta dal governatore per le agevolazioni alle aziende del Friuli Venezia Giulia che assumono dipendenti, con incentivi a fondo perduto stimati in 10mila euro a lavoratore. Un milione sarà destinato invece alle politiche del lavoro e istruzione a favore dei disoccupati nei cantieri, mentre 700mila
euro contribuiranno al contenimento delle rette per i servizi della prima infanzia. A questi provvedimenti si aggiunge quello per la riduzione delle spese degli studenti per il trasporto pubblico locale del valore di 3 milioni di euro, che consentirà di estendere il beneficio anche alle tratte urbane dal prossimo settembre.

Sul fronte della cultura 1,4 milioni di euro serviranno alla ripresa in sicurezza dell’attività teatrale e 1,5 milioni al finanziamento dell’accordo di programma per la realizzazione del parco dei dinosauri di Duino-Aurisina.
Accanto ai 2,6 milioni di euro per la viabilità vengono erogati 2 milioni alle Camere di commercio per il rifinanziamento della legge 30 e 2 milioni all’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico orientale per spese di funzionamento e infrastrutture mentre 500mila euro serviranno per lo scorrimento delle graduatorie su infissi e fotovoltaico. Infine, 7 milioni sono stati stanziati per realizzare il Festival olimpico della gioventù europea che la nostra regione ospiterà nel 2023.