Cpr di Gradisca d’Isonzo, un morto e un ferito grave: è giallo

14.07.20-17.00- Questa mattina, al Cpr di Gradisca d’Isonzo è avvenuto un episodio sul quale sta indagando la Squadra Mobile della Questura di Gorizia assieme alle autorità giudiziarie. Come confermato anche dal Capo di Gabinetto della Questura, il personale preposto, recatosi a controllare gli uomini come ogni mattina, si è ritrovato di fronte a due persone inermi all’interno di uno stanzone del luogo. Dopo aver effettuato un’ispezione più approfondita, è stato possibile confermare il decesso di un cittadino albanese, mentre un suo compagno di stanza marocchino è stato invece trasportato d’urgenza all’ospedale di Gorizia. Il tempestivo intervento del personale sanitario ha fatto sì che il secondo uomo non risulti più in pericolo di vita.

Non sono chiare, però, le dinamiche: nella stanza erano presenti anche altre uomini che verranno molto probabilmente interrogati al più presto; non sono stati riscontrati segni particolari, ferite visibili o sbarre ad indicare colluttazioni in corso; non sono state registrate immagini o video a riguardo.

All’interno delle stanze, difatti, per disposizioni ministeriali non è previsto nessun circuito di sorveglianza, che si ritrova però in altre aree del Cpr.

Attorno alle 15.00, infine, si sono verificate alcune rivolte nel momento in cui la salma del cittadino albanese è stata portata via. Alcuni ospiti hanno incendiato dei materassi, sia in zona rossa che in zona blu, rendendo necessario l’intervento dei Vigili del fuoco.

Verrà quindi effettuato un esame autoptico sul corpo dell’uomo albanese. Per quanto riguarda il resto, sulla vicenda la Questura di Gorizia mantiene la riservatezza del caso.

Michela Porta