Pordenone al ”Rocco” di Trieste? La tifoseria giuliana non ci sta

6.6.2020 – 08:30 – Ufficializzata la ripresa dei campionati di calcio di A e B, le 20 società iscritte alla serie cadetta sono pronte a ritornare a calcare i terreni di gioco; tranne una, il Pordenone Calcio. I ‘’ramarri’’, infatti, quarti a quota 45 punti, a -4 dalla seconda Crotone, vuole credere nel miracolo della promozione in massima serie ma, per farlo, ha bisogno nuovamente di uno stadio in cui giocare. Ebbene si, lo Stadio Friuli, messo a disposizione fino ad oggi dall’Udinese Calcio, non sarà più fruibile a causa del serrato calendario dei padroni di casa e dei lunghi processi di sanificazione di spazi e ambienti. Per due giornate, quindi, contro Pisa e Salernitana, i neroverdi avranno bisogno di essere ospitati in un secondo impianto sportivo dove mettere in scena gli ultimi atti di questa infausta stagione agonistica.

In base a quanto apparso nella giornata di ieri sui principali quotidiani e tg regionali del Friuli Venezia Giulia, una potenziale soluzione potrebbe essere il “Nereo Rocco” di Trieste. Il gioiello rossoalabardato, tuttavia, potrebbe essere già impegnato ad accogliere gli eventuali match valevoli per i ‘’Play-Off’’ di Serie C della Triestina; per tanto, questo fattore potrebbe rivelarsi un ulteriore intoppo per la disperata ricerca di un terreno di gioco da parte dei pordenonesi.

”Stiamo discutendo; d’altronde non abbiamo alternative sul nostro territorio”, ha commentato su ‘’Il Messaggero Veneto’’ il DG neroverde Giancarlo Migliorini.

Il dissenso della ”Curva Furlan”:

Nella serata di ieri, a riguardo, si sono espressi i tifosi della Curva triestina, i quali hanno voluto manifestare il proprio dissenso attraverso due striscioni appesi nei pressi dello Stadio. Uno riportante la frase ‘’La nostra pazienza ha un limite: andate a giocare a Udine’’, il secondo, più polemico, ‘’Al Rocco solo la Triestina: avete già sbagliato una volta’’.

Foto, Facebook, Grido Libero.
Foto, Facebook, Grido Libero.

Il commento dell’Amministratore Unico alabardato, Mauro Milanese:

La decisione finale spetta al Comune di Trieste, perché lo stadio non è di nostra proprietà. Se dovessi mettermi nei panni del tifoso, un po’ geloso del Rocco lo sarei. Per il tifoso – ha spiegato Milanese sul quotidiano ”Il Piccolo” di Trieste – è una questione di identità e di sana rivalità sportiva, vorrebbe lo stadio solo per la Triestina o grandi eventi. Ma da dirigente, se ci sono cause di forza maggiore, dico che farebbe piacere ospitare una società seria e ben organizzata come il Pordenone. Sempre ovviamente che questo non tolga niente a noi. Se il Rocco in quei giorni servirà all’Unione, il Pordenone dovrà cercarsi un altro stadio” – ha concluso l’amministratore unico alabardato.