Pahor e Mattarella il 13 luglio saranno alla foiba di Basovizza, giornata storica per il confine orientale

fonte: Radio Capodistria

24.06.2020 – 10.32 – La notizia è storica: il il 13 luglio prossimo il presidente sloveno Borut Pahor visiterà, a fianco di Sergio Mattarella, la foiba di Basovizza e il monumeno dedicato agli “eroi di Basovizza” (Bazoviški junaki) – i quattro antifascisti membri TIGR fucilati nella stessa località carsolina. Non era mai successo prima. Significa la rottura di un silenzio diplomatico e un riavvicinamento tra Italia e Slovenia su una vicenda storica tragica e molto complessa come il secondo dopoguerra a Trieste e nel litorale oggi parte della Slovenia. Il viaggio dei due capi di stato sarà un omaggio ai caduti su entrambi i fronti. Alla visita di commemorazione seguirà la cerimonia, sempre alla presenza di Mattarella e Pahor, a Trieste della riconsegna alla comunità slovena del Nardoni Dom, il cui incendio del 1920 – attribuito e attribuibile al nascente squadrismo fascista di allora – compirà quel giorno i 100 anni. L’entourage di entrambi i presidenti era al lavoro da diverso tempo, tanto che prime indiscrezioni erano state rivelate nei giorni scorsi dalla Rai. Secondo Radio Capodistria i primi contatti finalizzati all’incontro di luglio risalgono all’ottobre 2019, quando Mattarella e Pahor si sono incontrati in occasione del summit, tra i 13 capi di stato UE, di Atene. Da oggi l’appuntamento del 13 luglio, data storica – in tutti i sensi – per l’intero il litorale adriatico, è realtà.