Ginnastica Triestina, ripartire è possibile, garantita sicurezza per atleti e istruttori

9.6.2020 – 17:00 – Prese tutte le misure di sicurezza necessarie, con ambienti risistemati e attrezzature igienizzate, i giovani allievi della Società Ginnastica Triestina, stanno gradualmente ritornando a popolare le palestre, le quali sono pronte ad ospitare nuovamente i loro allenamenti. Abbiamo intervistato nel pomeriggio, Caterina Zoppolato, dello staff SGT, la quale, in questa prima settimana di collaudo, sta provvedendo alla consegna degli esclusivi badge che permettono agli atleti iscritti di poter accedere alla struttura.

‘’La Ginnastica Triestina dopo lo stop forzato dal lockdown, in questi giorni ha riaperto i battenti – ha esordito Zoppolato. Per garantire la sicurezza di ogni individuo all’interno dell’edificio, abbiamo stimato un numero massimo di 500 persone che vi possono fare accesso esclusivamente con un apposito badge il quale viene consegnato allo stand collocato nel parcheggio interno dell’edificio; agli allievi o eventualmente ai genitori degli atleti più piccoli (quelli con età inferiore ai 6 anni). Ritirato il pass, l’atleta dovrà sottoporsi al controllo della temperatura corporea avvicinandosi ad un termoscanner. Nel caso la temperatura fosse superiore a 37,5 gradi, l’allievo non potrà fare accesso all’edificio e verrà quindi fatto uscire dalla medesima porta, la quale, rimarrà aperta per l’eventualità. La porta d’ingresso vera e propria, invece, rimarrà serrata. Fino ad oggi, per fortuna, non abbiamo avuto alcun caso; siamo fiduciosi – ha commentato Zoppolato.

‘’Abbiamo convenuto di chiudere tutte le porte dell’edificio; l’ingresso per gli allievi può, al momento, avvenire esclusivamente dalle porte interne al parcheggio. Una volta dentro, si potrà accedere all’edificio solamente dalla prima e dall’ultima porta, le centrali rimarranno chiuse. Lo storico portone principale di Via Ginnastica, tuttavia, sarà utilizzato come porta d’uscita”.

‘’Per quanto concerne gli accorgimenti igienici, all’ingresso di tutte le palestre abbiamo collocato i dispenser di gel igienizzante e alcuni ‘box’’ per riporre le scarpe. Se per accedere e aggirarsi nell’edificio è obbligatorio indossare la mascherina, per fare sport, la protezione facciale è facoltativa; noi, da sportivi, la sconsigliamo vivamente poichè è davvero difficile fare attività fisica con la mascherina sul viso in quanto la corretta ossigenazione viene a mancare e si rischia così di respirare l’anidride carbonica, andando incontro allo svenimento’’ – ha spiegato l’atleta azzurra.

‘’All’esterno di ogni palestra, infine, abbiamo collocato alcune sedie che possono essere utilizzate dagli allievi, i quali, prima di entrare in palestra, potranno utilizzarle per sedersi e attendere l’arrivo del proprio istruttore, osservando quindi le corrette distanze’’.

‘’Al termine di ogni lezione, viene effettuato un processo di sanificazione da parte degli istruttori i quali sono stati dotati di speciali igienizzanti per sanificare tutti gli strumenti e le attrezzature sportive utilizzate. Prima di iniziare le lezioni di ginnastica, tuttavia, si procede all’igienizzazione di mani e piedi’’.

‘’Dopo la prima settimana di ripartenza, una volta che la gran parte degli allievi avranno ritirato il badge, con molta probabilità, per il ritiro di quest’ultimo, sposteremo l’accesso su Via Petrarca, dove ci sarà un addetto dotato di termoscanner. Ma su questa soluzione ci stiamo ancora lavorando’’ – ha concluso Zoppolato.